Lucrezia Reichlin: “Ecco il progetto europeo per tagliare i debiti pubblici”

Il piano proposto da un pool di economisti coordinati da Lucrezia Reichlin

EUGENIO OCCORSIO, la Repubblica • 9/5/2016 • Copertina, Europa, Lavoro, economia & finanza nel mondo • 1006 Viste

«C’è sempre meno appetito politico di più Europa e in molti Paesi si alzano muri. Eppure anche con le istituzioni politiche che abbiamo si può fare una riforma “minima” che renda l’Unione più robusta dal punto di vista economico». Lucrezia Reichlin, economista della London Business School, ha riunito studiosi «di varie tendenze» per proporre le riforme possibili «senza cambiamenti radicali che non sono realistici né ulteriori turbolenze ». Il punto d’attacco è il debito pubblico, nodo sottostante a tutte le incomprensioni fra i partner europei: se non si risolve non si verrà a capo di nulla, «mentre il progetto europeo è quanto mai a rischio con i vecchi problemi irrisolti che si sommano ai nuovi come i rifugiati e la Brexit ».

Cosa proponete?

«Di instaurare un meccanismo che renda possibile la ristrutturazione del debito pubblico in Paesi non solvibili. E per evitare che ciò sia destabilizzante proponiamo che preventivamente sia concluso un patto per abbattere subito una parte del debito ereditato dalla crisi con un sistema che, a differenza degli eurobond, non implica garanzie comuni ma utilizza risorse quasi esclusivamente nazionali».

Qual è il meccanismo?

«Quando un Paese diventa a rischio si adotta una serie di misure preventive, ma oltre un certo limite scatta la ristrutturazione secondo regole certe e conosciute ex-ante. Per evitare che il meccanismo, con molti Paesi ad alto debito, provochi attacchi speculativi, prima di arrivare a questa riforma si deve negoziare il patto per abbattere una parte del debito così da far tornare tutti a livelli tra il 90 e il 95%. Andrebbe creato un fondo di stabilità che compri una parte del debito di ogni Stato e finanzi gli acquisti e i costi per gli interessi con titoli di nuova natura garantiti dalle entrate fiscali future dei Paesi».

Sembra quello che i tedeschi non accetteranno mai.

«Non sono eurobond perché le risorse a garanzia sono nazionali e non c’è mutualizzazione. Il fondo permette di scambiare debiti oggi non sicuri con debiti sicuri. Il meccanismo di ristrutturazione poi garantisce quella disciplina cara ai tedeschi che oggi non c’è».

Non c’è già il fondo di stabilità per i Paesi in difficoltà?

«Il fondo di stabilità fornisce prestiti agevolati a Paesi in crisi di liquidità che siano in grado di diventare solvibili con aggiustamenti e riforme. Ma per i Paesi “solo” a rischio di non solvibilità non esiste un approccio sistematico, se non soluzioni scelte ad hoc inefficienti e costose. Si crea la scelta tra default disordinati e mix di austerità eccessiva e prestiti perpetui. Come in Grecia».

Perché un meccanismo cosi complesso invece che rispettare il patto di stabilità?

«Quando i Paesi sono sotto stress le regole non si rispettano o si invoca una flessibilità che mette a rischio la credibilità. L’architettura fiscale europea è punitiva e irrealistica. Le crisi sovrane sono sempre possibili anche con le regole più dure. Se avvengono vanno riconosciute e non negate come abbiamo fatto con la Grecia continuando a dare soldi a un Paese che non potrà mai restituirli, imponendo condizioni draconiane che hanno devastato la popolazione. Dobbiamo evitare casi analoghi. Le proiezioni dicono che anche se saranno rispettate le regole il debito non diminuirà nei prossimi dieci anni in violazione dei patti. Abbiamo bisogno di liberare risorse per stimolare l’economia e il patto sul debito che proponiamo va in tal senso. Dare la possibilità di ristrutturare indurrebbe una disciplina che oggi non c’è. Un’architettura basata meno sulle regole e più sul mercato ».

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This