Vent’anni di leggi, ma la strage di donne continua

Dal ’96 tre reati per tutelare le donne. Che però restano senza protezione dopo la denuncia del pericolo

MARIA NOVELLA DE LUCA, la Repubblica • 10/6/2016 • Copertina, Diritti umani & Discriminazioni • 789 Viste

Le leggi ci sono, tutto il resto manca. Niente fondi, centri costretti a chiudere, piano antiviolenza mai decollato, vittime senza tutela, e un esercito crescente di bambini che si ritrovano improvvisamente orfani. A vent’anni dall’approvazione nel 1996 della legge contro la violenza sessuale, definita non più reato contro la morale ma finalmente reato contro la persona, dopo la legge contro lo stalking del 2009 e quella contro i femminicidi del 2013, le donne continuano a essere uccise con la cadenza, impressionante, di dieci omicidi al mese, cinquantotto dall’inizio del 2016.

E nel giorno dei funerali di Sara Di Pietrantonio, bruciata viva dal suo ex, mentre la madre chiede giustizia e altre morti affollano il bollettino dei femminicidi, i centri antiviolenza e le avvocate che difendono le donne lanciano un grido di allarme: «Lo Stato non riesce a proteggere le vittime». Perché quando anche coraggiosamente le perseguitate denunciano, la giustizia ha tempi così lunghi che in quell’attesa può accadere tutto. Alle mogli, alle compagne, alle ex, ma anche ai figli, com’è accaduto a Taranto tre giorni fa: Andrea, 4 anni, ucciso con un colpo alla testa dal padre che aveva appena strangolato la moglie Federica. Barbara Spinelli, avvocata, è autrice di un saggio famoso dal titolo Femminicidio che nel 2008 ha importato in Italia il termine che oggi tutti usiamo, quest’anno approdato anche nell’enciclopedia Treccani. «Non è un problema di leggi, o di inasprimento delle pene: basterebbe applicarle fino in fondo. Perché le norme antistalking funzionano, così l’ammonimento al partner violento, gli ascolti protetti delle donne. Sono utili le aggravanti previste dalla legge del 2013. Ma tutto questo viene vanificato se dopo la denuncia, e prima che il persecutore venga effettivamente allontanato, la donna non è protetta». E intorno a lei e ai suoi figli non ci sono reti di supporto, perché le case rifugio vengono chiuse, e, aggiunge Spinelli, «i dati ci dicono che in 7 casi su 10 le vittime avevano denunciato più volte i loro i partner pericolosi». Una sottovalutazione sia politica che giudiziaria dell’emergenza. A cominciare dai fondi 2015/2016 stanziati per i centri antiviolenza e mai distribuiti, e poi il piano del governo restato nei cassetti, gli indennizzi mai approvati per gli orfani del femminicidio. E di una prevenzione che non esiste, del silenzio nelle scuole. «Facciamo continuamente l’elenco delle donne uccise – rivela Spinelli – ma si tratta soltanto di una parte della verità: vittime sono anche le donne che si suicidano per le violenze domestiche, o quelle che muoiono senza denunciarle. Una strage silenziosa che nessuna statistica rileva».

Titti Carrano, anche lei avvocata, è la presidente della rete Dire, che riunisce 75 centri antiviolenza. «Siamo in prima linea da oltre trent’anni, abbiamo un’esperienza enorme, eppure, mentre i femminicidi diventano un’emergenza nazionale, proprio a Roma uno dei centri più attivi viene chiuso. Non c’è la volontà politica di andare fino in fondo. Un esempio: dopo la denuncia, nell’attesa che la giustizia faccia dei passi, le donne corrono rischi enormi, perché non creare una corsia preferenziale per questi processi? O non applicare davvero gli ordini di protezione previsti dal codice civile? E quando le forze dell’ordine verranno formate adeguatamente a riconoscere la violenza domestica, senza liquidarla come un conflitto?».

Insomma, le donne sono sole. E i loro unici rifugi che le accolgono e salvano con i figli, smantellati uno dopo l’altro. Fino al prossimo femminicidio.

 

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This