Dopo Dallas, l’America di Obama alla prova

Dopo Dallas, l’America di Obama alla prova

Nell’America post-Dallas proseguono le manifestazioni contro gli omicidi di polizia. Anche ieri #Blacklivesmatter ha organizzato presidi, assemblee e cortei in numerose città perlopiù pacifici anche se ci sono stati una settantina di arresti e a Phoenix la polizia ha usato i lacrimogeni per disperdere una manifestazione per i diritti civili dopo che il capo della polizia ha «determinato che aveva esaurito la propria utilità».

Pur nella condanna unanime della strage texana, il movimento antirazzista è deciso a mantenere alta la pressione politica sulla questione della strage di neri per mano della polizia, respingendo gli allarmismi sulla guerra razziale agitati da molti.

La realtà è che non è necessaria la guerra di razza per descrivere il conflitto a «bassa intensità» dei rapporti razziali in America.

Lo definisce benissimo lo stillicidio di morti per mano delle forze dell’ordine.

Ieri a Houston – dove come a Dallas è consentito l’open carry – il porto d’armi «alla mano» in pubblico è costato la vita ad Alva Braziel, un uomo afro americano diventato la vittima numero 570 del piombo di polizia da gennaio. La sua esecuzione ha seguito il logoro copione degli ordini impartiti di posare la pistola che teneva in mano, seguiti immediatamente dagli spari degli agenti che ritenevano «in pericolo le nostre vite».

Su questo sfondo il presidente ha deciso di accorciare di un giorno il viaggio in Europa annunciando per la prossima settimana una visita a Dallas.

Un gesto simbolico che non è bastato a ridurre le critiche che gli sono giunte dal principale sindacato di polizia. Jim Pasco direttore del Fraternal Order of Police a cui appartengono 330.000 agenti ha dichiarato: «Avremmo bisogno di un presidente capace di unificare il paese».

Mercoledì Obama aveva condannato le uccisioni di Alton Sterling e Philando Castile spiegando che «un numero consistente di cittadini si sente discriminato per il colore della propria pelle». Il giorno successivo aveva definito «feroce e spregevole» l’attentato di Dallas.

«Vorremmo un presidente capace di pronunciare un discorso per tutte le vittime, non due discorsi separati», ha detto Pasco. I sindacati di polizia operano regolarmente contro le indagini sulle uccisioni da parte degli agenti e rivendicano il diritto insindacabile dei poliziotti valutare le «circostanze attenuanti» che inducono a sparare. Nella quasi totalità dei casi gli agenti sono immuni da sanzioni penali.

Quasi come par condicio, i sindacati chiedono anche che i fatti di Dallas vengano rubricati come hate crime, rivendicando la classifica di «aggravante per razzismo». La richiesta, come l’uso del hashtag #bluelivesmatter, esprime la fondamentale faziosità dell’ala reazionaria della polizia che rivendica la demarcazione fra le forze dell’ordine e «gli altri», e il diritto a impiegare i metodi più mortiferi e sbrigativi per mantenerla.

In questa concezione non manca mai l’insinuazione che il presidente «gioca nella squadra avversaria».

I comunicati della «confraternita» di polizia (e i proclami ben più espliciti che circolano in rete e nelle radio di destra) contengono l’inequivocabile giudizio delle forze conservatrici sul presidente nero.

Una valutazione allineata con quella di Donald Trump che sin dall’inizio aveva fatto del certificato di nascita “mancante” di Obama una strategia per relegare il «presidente musulmano» o «keniota» nel campo dei «diversamente americani».

La «sottile linea blu» della polizia è la demarcazione più quotidianamente tangibile di questa idea che la presidenza Obama ha simbolicamente trasgredito.

La «restaurazione americana» di Trump si fonda sul ritorno agli antichi ordini costituiti che è invece essenziale tentare di superare per procedere verso un possibile futuro di convivenza pluralista. Le sue esternazioni xenofobe hanno fornito copertura politica a razzismi precedentemente inconfessabili. Dopo l’inizio della sua campagna presidenziale, il sito suprematista bianco Stormfront è stato costretto a potenziare i propri server per ospitare un aumento del 40% del traffico internet che il fondatore del gruppo razzista, Don Black, ha attribuito direttamente agli attacchi anti Obama di Trump.

Così negli ultimi mesi del suo mandato il presidente nero che voleva essere il grande unificatore si trova usato come simbolo di divisione.

Ieri Obama è nuovamente intervenuto affermando che «malgrado tutto l’America non è divisa come alcuni la vorrebbero dipingere» e che esiste un fondamentale consenso fra Americani «di ogni colore ed estrazione» sulla necessità di correggere abusi e antiche ingiustizie.

La violenza che dilania oggi il suo paese dimostra non già l’errore della società multietnica ma la scia lunga di quelle storiche ingiustizie e discriminazioni. L’errore cioè di quella medesima strada che molti in Europa sembrano decisi ad imboccare.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

La Palestina patrimonio dell’umanità 

NAZIONI UNITE L’ammissione all’Unesco provoca la reazione degli Usa, che tagliano 70 milioni di fondi all’agenzia
Ormai solo una minoranza di paesi segue come un gregge obbediente la superpotenza Usa

“Il mio paese tra cultura e democrazia ecco perché l’Europa sbaglia a rifiutarci”

Lo scrittore premio Nobel Orhan Pamuk è tornato a Istanbul per seguire la campagna elettorale. Assistere alla primavera araba e alla caduta dei dittatori dall’Egitto alla Tunisia mi ha commosso fino alle lacrime

Quel melting pot nelle città  che farà  gli uomini tutti uguali

Nelle metropoli le diverse etnie sono sempre più a contatto e le differenze si assottigliano Tanto che, secondo gli scienziati inglesi, l’urbanizzazione renderà  omogeneo il Dna

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment