Le forme e i luoghi della sovversione non sospetta

Le forme e i luoghi della sovversione non sospetta

«Non si può piegare la sovversione. La si sconfigge obbligandola a cambiar bersaglio», scriveva Edmond Jabès ne Il libro della sovversione non sospetta.

Nel nostro tempo, le parole della politica non sanno più spiegare quel che succede, non riescono a capire né tantomeno a guarire. La sovversione politica è divenuta spazio dell’innominabile, nel senso che non ha più oggetto e progetto, non riuscendo a immaginare, dunque a nominare, un altrove e un altrimenti.

La voce dei popoli e dei movimenti è resa flebile e balbettante, soffocata dalla perfezione tecnica e tecnologica raggiunta dal dominio, dalle mille forme della repressione, dal pervasivo comando che ha rovesciato di segno e di senso alfabeti e direzioni della rivolta e, prima ancora, dell’indignazione. Indignez vous, esortava pochi anni fa Stephane Hessel, in un già dimenticato pamphlet, dove veniva ricordato che «creare è resistere. Resistere è creare».

Re-sistere presuppone non solo lo stare, ma l’avere memoria del passato e il possedere un progetto, un’intenzionalità soggettiva sul futuro. Ovvero, l’essere radicati nello spazio e nel tempo. La resistenza e la trasformazione appartengono cioè al mondo del reale, non del virtuale.

Il mondo sarà forse salvato dai ragazzini, come voleva Elsa Morante. O magari lo sarà grazie ai vecchi, a quelli che nel Novecento hanno provato a portare il cielo sulla terra, a liberare (spesso, però, non a liberarsi, sottovalutando l’essenziale ordine dei fattori; da qui, anche, una radice della loro sconfitta).

Oppure, più probabilmente, il cambiamento – radicale, come necessita – diventerà possibile solo a partire da una capacità di ascolto, dialogo, scambio e alleanza tra gli uni e gli altri. Tra l’esperienza e l’energia, tra la tenacia e la curiosità, tra la lentezza e l’impeto, tra la memoria e il divenire.

Ma sempre dalla parola occorre principiare, o ricominciare. E oggi, e sempre, quella che ha maggiore forza intrinseca è quella poetica. È l’espressione artistica, nelle sue poliedriche e infinite forme, che possiede la cifra, il codice, in grado di unire vecchio e nuovo, ragione e sentimenti, consapevolezza e prospettiva. Di rompere la camicia di forza di una comunicazione sociale governata da algoritmi nascosti e proprietari, della perdita dell’immaginario. Una parola, insomma, capace di raccontare storie e di stimolare desideri.

Solo immaginando e desiderando un altro mondo, altri sistemi sociali e di relazione, infatti, il cambiamento diventa concretezza. Solo recuperando vocabolari dimenticati e sottratti, ricostruendo proprie sintassi e nuove grammatiche la sovversione diventa percorribile.

Solo costruendo pazientemente i luoghi in cui quei vocabolari, quelle sintassi e quelle grammatiche possano scambiarsi e riconoscersi, le parole potranno ritrovare forza destruens e costruens, provare a indicare e a praticare strade e sentieri di trasformazione.

Queste pagine, queste interviste, questo magazine, il progetto di Global Rights, vogliono essere un contributo a tutto ciò. Modesto e fragile, certo, ma convinto, con Jabès, che la sovversione è il movimento stesso della scrittura.

*****

SCARICA IL NUMERO INTEGRALE DEL MAGAZINE GLOBAL RIGHTS

 

Allegati scaricabili



Related Articles

Il governo cambia strategia (come chiede l’Ue) e non salva più l’Ilva

Consiglio dei ministri. Varato il nuovo decreto per l’Ilva. Dopo il no del tribunale di Bellinzona al rientro in Italia dei capitali sequestrati in Svizzera alla famiglia Riva

Ue, un accordo di emergenza

Spinta dalla paura delle destre anti-immigrati, Bruxelles promette strutture nelle quali accogliere 100 mila profughi

La perdita della speranza

Se oggi nel nostro mondo ci fosse più speranza, sono certo che la gente scenderebbe nelle piazze per aiutare i profughi, e che sarebbe pronta a fare un nuovo “maggio ‘68” pur di salvarli

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment