Colombia: Cessate il fuoco e delle ostilità bilaterale e definitivo

Colombia: Cessate il fuoco e delle ostilità bilaterale e definitivo

Il 24 agosto scorso i capi delle delegazioni del governo nazionale e delle FARC-EP hanno sottoscritto nella cittá dell’Avana, Cuba, l’Accordo Finale per la Cessazione del Conflitto e la Costruzione di una Pace Stabile e Duratura.

L’Accordo ha creato la possibilitá reale che, d’ora in avanti, in Colombia i figli potranno dare l’ultimo saluto ai padri, morti di vecchiaia. MAI PIU` saranno i padri a seppellire figlie e figli caduti in guerra. MAI PIU` i padri spenderanno il resto della loro vita cercando figlie e figli scomparsi.

Il regime político colombiano ha accordato con le FARC-EP la fine della guerra e si é impegnato, in modo solenne davanti alla comunitá nazionale e internazionale, di aprire completamente le porte alla democrazia nel paese e a garantire giustizia nelle relazioni sociali.

I nostri impegni sono: mettere fine al prolungato sollevamento in armi; trasformarci in movimento politico nella totale legalitá; rincorporarci alla vita civile secondo le condizioni accordate; e fare tutto il possibile affinché le vittime del doloroso conflitto giunto al termine, abbiano giustizia e risarcimento. Manterremo rigorosamente i nostri impegni.

Da oltre trent’anni, nel contesto degli Accordi della Uribe, ci siamo impegnati affinché le armi cessassero di essere utilizzate da ambo i lati. L’obiettivo é sempre stato quello di sederci per conservare di pace con giustizia sociale. Nonostante la reiterata risposta negativa, ogni volta che é stato necesario favorire la via del dialogo, abbiamo dichiarato un cessate il fuoco unilaterale.

Non si puó dimenticare la fondamentale importanza che questo nostro gesto ha avuto nell’arrivo felice al porto dell’Accordo Finale.

Il Presidente della Repubblica, Juan Manuel Santos, nel rispetto di quanto sottoscritto nell’Accordo Generale del 2012, ha proceduto ad ordinare alle forze armate di Colombia il cessate il fuoco e delle ostilitá definitivo a partire dalle 00:00 del 29 agosto 2016.

Non abbiamo mai perso la speranza di arrivare a questo giorno tanto anelato per la nostra patria e la sua gente. Da Marquetalia ad oggi SEMPRE siamo stati sicuri di raggiungerlo.

Le FARC-EP, in cessate il fuoco e delle ostilitá da oltre un anno, ricevono EMOZIONATE l’ordine presidenziale al suo esercito. E procediamo, di conseguenza, a dare l’ordine corrispondente alle nostre truppe.

Nella mia condizione di Comandante dello Stato Maggiore Centrale delle FARC-EP, ORDINO a TUTTI i nostri comandanti, a TUTTE le nostre unità, a TUTTI i nostri e le nostre combattenti, di cessare il fuoco e le ostilità in maniera DEFINITIVA, contro lo Stato colombiano a partire dalle 24:00 di oggi.

Ai soldati, marinai, piloti della forza area, polizia e organismi della sicurezza e intelligence dello Stato, vogliamo manifestare la nostra chiara e determinata volontá alla riconciliazione.

Le rivalità e i rancori devono rimanere nel passato. Oggi, PIU’ CHE MAI, lamentiamo tanta morte e dolore causati dalla guerra.

Oggi, PIU’ CHE MAI, vogliamo abbracciarli come compatrioti e cominciare a lavorare uniti per una nuova Colombia.

La guerra è terminata. Viviamo insieme come fratelli e sorelle.

Che le armi della Repubblica non puntino mai piú contro la gente del popolo i loro cannoni. Che non sia mai piú necessario una ribellione.

VIVA LA GIUSTIZIA SOCIALE!

VIVA LA COLOMBIA!

VIVA LA PACE!

 

TIMOLEÓN JIMENEZ

L’Avana 28 agosto de 2016.

 



Related Articles

Guerre e clima tra le cause principali dell’esodo di decine di milioni di migranti

Secondo lo State of the World 2015 del World Watch Insti­tute fra il 2008 e il 2013 140 milioni di per­sone hanno dovuto spo­starsi in altre aree o paesi, a causa dei disa­stri ambien­tali e cli­ma­tic. Solo una pic­co­lis­sima mino­ranza bussa alle porte dell’Occidente

L’opposizione (Ncc) contro l’attacco: «Rafforza Assad»

SIRIA. L’intervento militare americano invocato e implorato dal fronte anti-Assad con base all’estero e che fa capo alla Coalizione Nazionale (CN), provoca invece non pochi tormenti ad altre formazioni siriane di opposizione.

Missioni in Libia, il Pd soccorre il governo e vota sì, in sei escono d’aula

Il Senato ha approvato la risoluzione di maggioranza sulle oltre 40 missioni italiane all’estero, con 242 voti favorevoli, 10 contrari (fra cui tutti i senatori di Leu) e quattro astensioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment