Ma non è la favola della bella addormentata

Ma non è la favola della bella addormentata

A volte sembra quasi che Virginia Raggi sia la peggior nemica di se stessa. Lo farà apposta a fornire al Pd e al codazzo di giornali che volentieri amplificano, argomenti a prima vista affilatissimi?

Provano a crocefiggerla per mesi con lo studio Sammarco: lo sanno tutti che è come dire Previti anche se il legale di don Cesare non è Pieremilio, l’ex datore di lavoro di Virginia, ma il fratello Alessandro. Lei per tutta replica fa proporre a Raffaele De Dominicis l’assessorato al Bilancio proprio dal presunto sodale di Cesarone.

La massacrano per la nomina come assessore all’ambiente di Paola Muraro, in odor di commistione con una delle peggiori bestie nere del M5S e dei romani tutti, Manlio Cerroni, nonché proprio per questo indagata? Lei, salvo improbabili ripensamenti, fa scudo all’indagata nemmeno fosse sua sorella di sangue.

Incappa in una serie di dimissioni che nemmeno nel peggiore tra i tamponamenti a catena e, invece di spiegare e giustificare, liquida il fattaccio con serafico disprezzo: «Abbiamo già trovato qualche piccola resistenza ma non ci spaventiamo».

Il diluvio di bordate mitragliate dal Pd, con tanto di solenne conferenza stampa dell’ex rivale Roberto Giachetti, era prevedibile sin nelle virgole: «Agli ordini dello studio Sammarco», «Scontro tra due studi legali: Casaleggio e Sammarco». La tonalità di fondo è sempre la stessa, ripetuta a volontà in campagna elettorale: Virginia Raggi mammola eterodiretta, non si sa più bene se dal figlio del guru Casaleggio o dal principe del foro romano. E’ una filastrocca che non coglie nel segno, e a mesi dall’entrata in scena della sindaca di Roma sarebbe ora di capirlo, indipendentemente dal giudizio sulle sue scelte o sulle sue nomine. La prima cittadina tutto è tranne che una sprovveduta. Sa perfettamente in mezzo a quali correnti travolgenti sia destinata a navigare e da quali scogli traditori debba guardarsi. Sa, per esempio, di avere contro un tritacarne mediatico al quale basta concedere un dito per ritrovarsi poi stritolati, proprio come è capitato a Ignazio Marino. Se ha scelto di non permettere mai alle campagne mediatiche di condizionarla, persino quando quelle campagne hanno qualche argomento reale da spendere come nel caso di Paola Muraro, è perché si rende conto che il cedimento non placherebbe il branco, anzi.

Se fa quadrato anche quando la resistenza sembra inspiegabile, come nel caso del discusso e discutibile Raffaele Marra, è perché conosce il Movimento di cui è ormai esponente di punta, e capisce che se vuole affermarsi come una leader alla pari di Di Battista e Di Maio deve fermare sul nascere ogni ingerenza: farlo dopo aver mollato qualche volta di troppo sarebbe inutile. Da questo punto di vista il braccio di ferro che sembra profilarsi con il direttorio su Muraro sarà decisivo.

Virginia Raggi non è arrivata al Campidoglio, contrariamente a quanto molti fingono di credere, immaginando di approdare nel paese dei balocchi. Non ignorava le difficoltà oggettive del compito e neppure quanto numerosa sarebbe stata la legione dei nemici decisi a sgambettarla. Aveva e ha in mente una strategia precisa, quella che ha ripetuto ieri nel videomessaggio sul blog di Grillo: scommettere tutto sui risultati in modo da volgere a proprio vantaggio anche gli attacchi, dimostrandone nei fatti la strumentalità.

Il nuovo assessore sarà anche stato contattato da Sammarco, però vanta una fisionomia perfetta per l’M5S. Evitare dubbi su Paola Muraro è impossibile, la stessa sindaca se ne accorge e mette le mani avanti: «La contestazione per ora è troppo generica. Appena sapremo meglio prenderemo provvedimenti». Ma nessuno può negare che l’emergenza rifiuti di luglio, creata sabotando dagli uffici della Regione l’appalto alla ditta tedesca che avrebbe dovuto trasportare all’estero l’eccedenza, sia stata risolta con successo. Come non si può negare che la sindaca abbia fronteggiato l’ondata di dimissioni con una tempestività che le faceva difetto due mesi fa. Scommettere sui risultati a Roma è un grosso azzardo. Ma è su questo azzardo e non su altro che Virginia Raggi gioca il futuro politico suo e in buona parte anche dell’M5S.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Letta divide anche nel centrodestra il 30% non vuole le urne

Quattro elettori su 10 convinti che il governo durerà almeno sei mesi Il dopo 

Il ministro precario

Ce l’eravamo perso per strada Renato Brunetta, ministro della Pubblica amministrazione, tanto che pensavamo di ricorrere alla famosa trasmissione cerca persone di Rai 3. Sempre nella polvere e mai sugli altari al contrario di Napoleone, Brunetta era mediaticamente scomparso dopo avere insultato impiegati e poliziotti, donne lavoratrici e magistrati, sinistra «di merda» at large. Ma è bastato che Michele Santoro lo invitasse nella sua ultima puntata (da vero servizio pubblico Annozero, altro che chiacchiere) e il ministro ha ripreso fiato.

Perché il mondo cattolico sogna un nuovo movimento politico

C’è un problema di identità : anche i praticanti non seguono più le indicazioni morali dei vertici se non in modo “privato”. La frammentazione ormai è la regol.  Dentro la Curia così come nelle organizzazioni della base. L’intervento del cardinale Bagnasco ha riproposto la questione di come i credenti possano essere rappresentati dopo la fine della Democrazia Cristiana 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment