Crisi, una toppa per i disoccupati

Crisi, una toppa per i disoccupati

Con 235 milioni interessati 40mila lavoratori, per loro un anno in più di cigs o sussidio di 500 euro se privi di tutele. Altri 135 milioni per la Naspi degli stagionali del turismo. Critica la Cgil: “Interventi parziali, di sola risposta alle emergenze

Il governo stanzierà 370 milioni per la proroga di alcuni ammortizzatori sociali. Questo l’annuncio dopo un incontro fra il ministro Poletti, sindacati ed enti locali. Il pacchetto entrerà nel decreto correttivo del jobs act atteso entro il 16 settembre. In dettaglio, per i lavoratori delle aree di crisi industriale complessa (circa 40 mila) saranno stanziati 235 milioni. Ad essere interessate Gela, Piombino, Livorno, Rieti, Termini Imerese, Trieste, Taranto, Ascoli e Molise. “Per i lavoratori in cigs che si preveda finita entro il 31 dicembre – ha spiegato Poletti – ci saranno 12 mesi di proroga, con uno stanziamento di 85 milioni. Inoltre sono previsti 500 euro al mese per 12 mesi per i lavoratori che nel 2016 hanno finito gli ammortizzatori, dall’Aspi alla mobilità. In questo caso ci sono 150 milioni”. Infine ci sono 135 milioni per gli stagionali ricorrenti (tre anni su quattro) del turismo e delle terme, per loro un mese in più di Naspi. Critica la Cgil con Serena Sorrentino: “Interventi parziali, non sufficienti, di sola risposta alle emergenze”. Anche la Uil con Guglielmo Loy osserva: “Si tratta solo di un tampone per il 2016”.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Studenti ancora in piazza contro il «lavoro gratuito». Poi si replica il 24 novembre

Proteste contro l’alternanza scuola-lavoro in tutta Italia nella giornata internazionale dello studente. A Milano azioni contro i «campioni dell’alternanza» Zara e McDonald’s

Nuovo tonfo delle vendite Fiat Mirafiori, dieci giorni per l’accordo

Il Lingotto studia un unico contratto per l’impianto torinese e per Pomigliano Il mercato italiano cala del 21 per cento, ma i marchi di Torino perdono il 26 per cento 

Rimborsi cancellati e tassi tagliati uno spettro fa tremare Eurolandia

Debito di Atene verso la ristrutturazione, sale il rischio contagio. Un terzo della esposizione è verso Bruxelles e la Bce: tutti i cittadini Ue stanno rischiando I tassi sono del 14%. Per sostenerli serve una crescita ben superiore a quella cinese.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment