Madre Terra soffoca, allarme dei meteorologi

Madre Terra soffoca, allarme dei meteorologi

L’asticella è varcata, tanto che c’è chi fa del 2016, l’anno più caldo e inquinato della Terra, il punto zero di una nuova era, quella iper-antropizzata. I dati pubblicati ieri dalll’organizzazione mondiale dei meteorologi con il suo «Greenhouse gas bulletin» corredato da grafici e tabelle sulle concentrazioni record di anidride carbonica non fanno che confermarlo e sottolinearlo: siamo a un punto di non ritorno per il clima e la vita sul Pianeta.

Dalla sua stazione di monitoraggio dei gas serra di Mauna Loa, nella Hawaii, laWorld Meteorological Organization (Wmo) segnala che le concentrazioni di CO2 resteranno sopra le 400 parti per milione per l’intero 2016 e non subiranno significative discese per molte generazioni (pdf qui). Si tratta di una predizione catastrofica ma non messianica, si basa infatti sui riflessi del fenomeno del Niño nel 2015, destinati a proseguire nell’arco di almeno sette anni con una progressione studiata scientificamente.

El Niño, semplificando può essere definito un’onda di riscaldamento degli oceani, in particolare del Pacifico meridionale, che crea condizioni proibitive per la vita in intere aree dell’America latina – siccità intense, desertificazioni, uragani – non è un fenomeno nuovo, è stato riconosciuto e studiato a partire dagli anni Sessanta, ma è diventato più frequente e potente, mentre nel frattempo i meccanismi naturali che ne mitigavano gli effetti – ad esempio i cosiddetti «pozzi» di ossigeno prodotto dalle grandi foreste – si sono andati indebolendo.

Risultato: se finora l’anidride carbonica aveva superato la barriera delle 400 parti per milione solo per alcuni mesi dell’anno e in determinate località, non era mai successo da quando l’atmosfera viene monitorata che questa soglia-limite fosse oltrepassata su una base globale e per un intero anno. E questo è ciò che succederà nell’anno in corso.

Tra il 1990 e il 2015 c’è stato – segnala il Greenhouse Bulletin – un 37% di incremento nell’effetto di riscaldamento climatico a causa di gas serra rimasti troppo a lungo in atmosfera come, appunto, anidride carbonica, metano e biossido d’azoto, prodotti da attività industriali, agricole e domestiche. È l’uomo, dunque, concordano i meteorologi ad aver prodotto questo disastro.

Petteri Taalas, segretario generale del Wmo non vuole essere catastrofista e ricorda quindi come «con l’Accordo di Parigi il 2015 ci ha introdotto in una nuova era di ottimismo e di azione per il clima ma questo anno rappresenta anche un punto chiave nella Storia, portandoci in una nuova realtà dei mutamenti climatici con concentrazioni record di gas serra». Ricorda anche i passi in avanti del recente accordo di Kigali, che modifica il cosiddetto Protocollo di Montreal eliminando gradualmente gli idrofluorocarburi, che sono forti gas serra.

Ma, aggiunge, c’è «l’elefante nella stanza» ed è la CO2, che rimane nell’atmosfera per migliaia di anni e negli oceani ancora più a lungo. «Senza affrontare le emissioni di anidride carbonica non possiamo affrontare il mutamento climatico per riuscire a contenere l’aumento delle temperature sotto i 2 gradi rispetto all’era preindustriale», sottolinea Taalas. Pertanto «è di assoluta importanza che l’Accordo di Parigi entri senz’altro in vigore al più presto e che se ne acceleri l’implementazione».

I disastrosi roghi delle foreste indonesiane dell’estate 2015 e il boom della liberazione nell’atmosfera di esafluoruro di zolfo, gas che si sprigiona nella lavorazione di isolanti per impianti elettrici, sono state due nuove emergenze che si sono sommate a tutte le altre.

SEGUI SUL MANIFESTO

 



Related Articles

C’è una nuova energia, che adesso vuole contare

Italia rinnovabile non sarà una delle tante manifestazioni che riempiono le strade di Roma in questa difficile fase che attraversa il Paese. La ragione per cui oltre 40 associazioni – da Legambiente a Libera, dall’Arci alla Fiom passando per associazioni di agricoltori e consumatori – hanno scelto di «occupare» Via dei Fori Imperiali per tutta la giornata di sabato 26 ottobre è infatti al contempo paradossale e molto seria da un punto di vista politico.

Romania. Il vento non è più un nemico ora spinge la maxi-centrale

A 200 km da Bucarest sta sorgendo il più grande parco europeo per l’energia eolica: 240 turbine. E un’intera regione rinasce: la brezza violenta che era la sua maledizione adesso porta benessere. I giganti del settore vogliono investire qui: gli spagnoli ci sono già , gli italiani ci stanno pensando. Le famiglie della zona vivono una sorta di età  dell’Oro: mai visti tanti soldi come ora 

Gilet gialli: Macron cede e blocca la carbon tax, ma scontenta tutti

Francia. Il primo ministro fa un passo indietro, propone una moratoria di 6 mesi sull’aumento del prezzo dei carburanti e il blocco “per l’inverno” degli aumenti previsti a gennaio su elettricità e gas

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment