Armi atomiche, Italia allucinante

Armi atomiche, Italia allucinante

Allucinante Matteo Renzi. Allucinante Paolo Gentiloni. Ieri notte era all’ordine del giorno dell’Assemblea generale dell’Onu un voto davvero importante: una risoluzione perché dal 2017 partano i negoziati per un Trattato internazionale che vieti le armi nucleari.

La risoluzione è stata approvata da 123 Paesi, 16 Stati si sono astenuti ma 37 Paesi hanno votato contro, tra cui l’Italia. In compagnia di quasi tutte le nazioni nucleari del mondo e tanti alleati degli Stati uniti che, come l’Italia, hanno sul proprio territorio ogive nucleari. Si badi, non armi atomiche vintage della “passata” Guerra fredda, ma rinnovati sistemi d’arma per le quali il Nobel della Pace Obama ha speso diversi miliardi di dollari: si chiamano bombe B61-12 e potranno essere montate sugli F35 che – a proposito di “costi della politica” – ci costano più di 15 miliardi di euro. I primi due F35 arriveranno nella base di Amendola l’8 novembre prossimo, il giorno delle presidenziali americane, e senza know how di attivazione: quello lo controllano dagli Usa.

Qui, nel ridente Belpaese, ce ne sono ben 70 di bombe atomiche, 20 a Ghedi e 50 ad Aviano.

Sono lontani i tempi in cui il Parlamento europeo chiedeva espressamente agli Stati uniti di sbaraccare dal territorio europeo l’armamentario disseminato di circa 300 armi nucleari. Adesso se nazioni come Austria, Brasile, Irlanda, Messico, Sudafrica e Nigeria (primi firmatari della risoluzione votata all’Onu) propongono di avviare un trattato vincolante per mettere al bando le armi atomiche, l’Italia si sente in dovere di votare contro. E purtroppo non è una barzelletta del tragi-comico Benigni, eccellenza italiana al mega ricevimento alla Casa bianca.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Un’impostura criminale

ONU E GUERRA «UMANITARIA»

Il vento di rivolta che ha investito i paesi del Maghreb e del Mashrek, dalla Tunisia alla Libia, all’Egitto, allo Yemen, al Bahrein, non annuncia una nuova primavera delle popolazioni arabo-islamiche. La libertà , la democrazia, la giustizia, un minimo di benessere sono un sogno ancora molto lontano. I loro nemici sono potenti.

Dilma Rousseff rinvia l’acquisto di nuovi caccia

La presidente brasiliana Dilma Rousseff ha deciso di rinviare al 2012 la scelta e l’acquisto del nuovo caccia di cui si doterà  l’aviazione militare brasiliana. Un’altra decisione nel solco del «modello Lula», il quale – come ricorda il maggior quotidiano brasiliano, la Folha de S.Paulo, aveva già  prorogato la scelta e l’acquisto sin dal 2006.

L’ Unità 8200 si ribella “Da noi troppa violenza basta con la guerra nei territori palestinesi”

Fa scalpore la lettera pubblica degli ufficiali del reparto “cyberwar” dell’esercito israeliano “Troppi innocenti uccisi con un solo click stanchi di frugare nel privato dei cittadini di Gaza”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment