Gli Usa promettono Raqqa alla Turchia

Gli Usa promettono Raqqa alla Turchia

La battaglia finale contro l’Isis è ufficialmente iniziata. Dopo Mosul, è la volta di Raqqa. Le stesse contraddizioni visibili in Iraq dal 17 ottobre, quando la controffensiva è partita, emergono in Siria: non si tratta solo di cacciare lo Stato Islamico dai territori che occupa da tre anni ma di definire il futuro dei due paesi.

Se a Mosul ogni forza anti-Isis in campo – kurdi iracheni, turchi, milizie sciite, governativi – ha obiettivi diversi, sulla “capitale” siriana del sedicente califfato stanno marciando le Forze Democratiche Siriane (Sdf), federazione di arabi, turkmeni, circassi guidata dai kurdi di Rojava, spauracchio della Turchia che ha i propri militari a poco più di 100 km di distanza.

A rimestare nel caos è proprio Ankara che a poche ore dal lancio dell’operazione Ira dell’Eufrate da parte delle Sdf già tuonava contro l’alleato statunitense che sostiene l’avanzata con raid aerei. Ma le forze Usa sarebbero anche sul campo sotto forma di 50 soldati tra consiglieri militari e unità speciali, secondo fonti locali. Di certo Washington – che calcola in un paio di mesi il tempo necessario a liberare Raqqa – ci mette già il cappello.

Per ora nessuna reazione da Damasco e Mosca, concentrate su Aleppo: ieri la Russia ha detto di voler proseguire con la tregua a meno di un’altra offensiva delle opposizioni. Fasulla è invece la rabbia turca con il vice premier Kurtulmus che avverte del pericolo di una modifica della demografia della città a maggioranza sunnita. I kurdi siriani assicurano che non avverrà: la Raqqa liberata sarà gestita da un consiglio civile e militare composto dai suoi residenti, dice Jihan Sheikh Ahmad, la portavoce delle Sdf. Ovvero un governo locale sul modello di quello di Manbij, liberata ad agosto. I kurdi non nascondono l’interesse ad ampliare il sistema politico di Rojava, un confederalismo democratico dove operano assemblee di quartiere, di villaggio e regionali.

Ma la rabbia è fasulla perché la Turchia sa di avere poco da preoccuparsi: il capo di stato maggiore turco Akar e quello Usa Dunford si sono incontrati ad Ankara due giorni fa e accordati sul futuro di Raqqa. Mentre alle Sdf avrebbe detto che non permetterà la partecipazione turca (come riporta il portavoce kurdo Sello), ad Ankara Dunford ha promesso che i kurdi isoleranno la città ma non entreranno. Al contrario, ha detto il generale Usa, «la coalizione e la Turchia lavoreranno insieme per prendere e governare Raqqa, l’operazione richiede forze arabe e sunnite: l’opposizione siriana, l’Esercito Libero Siriano». Dichiarazioni pesanti che aprirebbero allo scontro con Damasco anche a Raqqa, dopo Aleppo.

Intanto le Sdf si stanno già muovendo. Alcuni villaggi sono stati liberati, prima fase dell’operazione che prevede la ripresa della periferia della città così da tagliare le vie di rifornimento (e di fuga) dei miliziani islamisti. Sarebbero 30mila i combattenti per una controffensiva complessa: se a Mosul l’Isis compie le peggiori barbarie per difendere la sua roccaforte, a Raqqa farà di più. In molti danno per certa la presenza dei leader militari del gruppo in città, dopo essere fuggiti dall’Iraq grazie anche ai “corridoi” ufficiosi aperti dalla coalizione per svuotare Mosul.

Anche nella città irachena prosegue l’avanzata anti-Isis. I governativi sono a 4 km dall’aeroporto e 2mila peshmerga sono entrati a Bashiqa, nord-est di Mosul. Dentro, a opporre l’ultima resistenza, ci sono cento miliziani e dieci autobombe pronte ad esplodere, dice il colonnello Rasoul. Ma l’Isis si difende anche con missili pieni di cloro e droni esplosivi, aggiunge, e domenica ha dato alle fiamme 19 giacimenti petroliferi, creando la cortina di fumo necessaria a annullare la visibilità ai jet della coalizione. E colpisce anche a distanza: ieri due kamikaze hanno ucciso 22 persone tra Samarra e Tikrit.

Proprio un attacco dell’Isis a Kirkuk lo scorso 21 ottobre, secondo Amnesty, sta dietro la cacciata di 250 famiglie arabe dalla città da parte delle autorità kurdo-irachene di Erbil. Intanto l’esercito di Baghdad ha trovato una nuova fossa comune a sud di Mosul: 100 corpi decapitati, ormai ridotti a scheletro.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Tru­deau comincia bene in Canada: «Stop ai nostri raid aerei»

Canada. L’aviazione canadese non parteciperà più ai bombardamenti in Iraq e in Siria. «Accoglieremo i profughi dalle guerre e faciliteremo i ricongiungimenti». Pronta anche la liberalizzazione della marijuana

Afghanistan, gli USA testano i nuovi caccia F35. Onu: «Sempre più vittime civili»

Afghanistan. La strategia “aerea” di Trump ha provocato in un anno il 52% in più di morti e feriti. Intanto governo di Kabul e talebani negoziano in Arabia saudita

Il processo che può incendiare il Libano

Aja. Si apre oggi davanti al Tribunale Speciale per il Libano il procedimento contro cinque membri di Hezbollah accusati dalla procura internazionale di aver ucciso il 14 febbraio 2005 l’ex premier Rafiq Hariri. Il movimento sciita parla di “complotto” e non ha consegnato gli imputati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment