14° Rapporto diritti globali: nella Fortezza Europa crescono poveri, muri e populismi

14° Rapporto diritti globali: nella Fortezza Europa crescono poveri, muri e populismi

Il rapporto 2016. Il 14° Rapporto sui diritti globali, il rapporto sugli effetti della globalizzazione: “Fortezza Europa, polveriera mondo” 

La crescita dei muri e dei confini ha come corrispettivo politico l’avanzata dell’estrema destra. Prossima tappa nel 2017: le elezioni in Francia dove il Front National di Marine Le Pen svetta nei sondaggi. «Le politiche europee – sottolinea il rapporto – dovrebbero aggredire le regioni reali della radicalizzazione e proporre nuovi modi di essere “Europa” anziché continuare a cercare un fanomatico “enemy within” stigmatizzando e segregando una parte della società e della popolazione». Nel rapporto si ricorda che dal 1 gennaio al 31 luglio in Europa sono arrivate via mare 256mila persone, tra queste 160mila in Grecia e 93mila in Italia. E mette a confronto le cifre con le richieste d’asilo presentate in 174 Paesi del mondo nel 2015, che sono state 2,45 milioni. I numeri smentiscono l’allarme securitario: «Deve ripartire il lento e difficile cammino» verso la »centralità dei diritti, della solidarietà, senza la quale non solo non si fermerà l’esodo ma si condannerà il pianeta a una guerra globale e permanente».

Il rapporto contiene un’approfondita analisi del Jobs Act e un’illuminante disamina dei suoi rapporti con la «Loi Travail» francese e l’analoga riforma del lavoro in Belgio. Va segnalata anche l’analisi critica dei rapporti di forza nel commercio internazionale rappresentati dai trattati del Ttip e del Ceta. Senza sconti l’analisi del Welfare e delle politiche sociali a suon di bonus del governo Renzi: «ha puntato tutto sulla crescita e sull’occupazione» legando il superamento dell’esclusione sociale alle sole politiche economiche, ridimensionando l’apporto di «buone politiche di welfare», che sono «un contributo allo sviluppo e non un mero costo passivo». Evidenziata la crescita della «condizione dei lavoratori poveri in Italia, come nel resto del mondo. Il rapporto descrive anche le possibili alternative: il «piano del lavoro» e la Carta dei diritti universali della Cgil, la carta dei diritti dei freelance promossa dalla coalizione dei lavoratori indipendenti «27 febbraio».

«Per effetto delle politiche liberiste nel mondo e anche nel nostro continente, aumentano le disuguaglianze e si estende l’area della povertà», che copre ormai «larghe fasce dello stesso mondo del lavoro». È fondamentale reagire ma, «senza cadere nella risposta reazionaria e populista», con «un progetto credibile» scrive il segretario della Cgil, Susanna Camusso, nella prefazione al rapporto.

GUARDA LA REGISTRAZIONE INTEGRALE DELLA PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Senza giusta pena Italia (ri)condannata

Per la seconda volta in pochi giorni la Corte europea per i diritti umani richiama il governo per aver violato le garanzie di un detenuto e per non aver punito adeguatamente i responsabili. Il caso risale al 2000, quando una trentina di detenuti di San Sebastiano, a Sassari, vennero picchiati come ritorsione per una protesta pacifica

Tutti i numeri della droga nel Dark Web

Quanti utenti ci sono? Quanto è il giro d’affari? Su quali mercati delle darknet? Abbiamo risposto a queste e altre domande

1 comment

Write a comment

Write a Comment