Francia- Juppé-Fillon, scontro sull’aborto

Francia- Juppé-Fillon, scontro sull’aborto

Fillon è contrario per “la fede” (cattolica), ma assicura che non rimetterà in causa la Loi Veil. La feminista De Haas: “Fillon nega che sia un diritto fondamentale delle donne” e “puo’ tagliare i finanziamenti e ridurre l’accesso”

PARIGI François Fillon e Alain Juppé si scontrano sull’aborto, in vista del secondo turno delle primarie della destra di domenica. Juppé, che è di fronte alla quasi missione impossibile di recuperare i 15 punti che lo separano dal vincitore del primo turno, ha individuato il punto debole dell’avversario, che ha vinto grazie alla mobilitazione del campo cattolico, con alla punta gli ultrà di Sens comun, emanazione della Manif pour tous (movimento contro il matrimonio gay). Ieri, Juppé ha chiesto a Fillon di “chiarire” la posizione “ambigua” sull’aborto. Fillon ha replicato: “non avrei mai pensato che l’amico Juppé cadesse cosi’ in basso”.

Ma Fillon preoccupa. Ha affermato di non aver intenzione di toccare la Loi Veil, che dal ’75 autorizza il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza (Ivg). Ma ha aggiunto di essere personalmente contrario all’aborto, “filosoficamente” e “per la fede” (cattolica). Il campo Fillon ieri ha continuato a coltivare una posizione ambigua, affermando che “non si puo’ banalizzare l’Ivg”, che deve restare “un’eccezione”, essendo un “trauma”. Ad aggravare l’ambiguità è arrivata ieri l’appoggio a Fillon di Jean-Frédéric Poisson (1,5% al primo turno), esponente del partito demo-cristiano, grazie alle posizioni sulla “famiglia e l’accoglienza della vita” (Poisson vuole la limitazione dell’aborto). Secondo Caroline De Haas, di Osez le féminisme, “quando qualcuno spiega – come ha fatto Fillon – che l’Ivg non è un diritto fondamentale, vuol dire che le donne non dispongono del proprio corpo. Mi inquieta, è un voto reazionario, un ritorno al XIX e XX secolo. Ha persino negato la realtà della violenza contro le donne, attribuendola agli stranieri. In Europa ci sono già stati tentativi di rimettere in causa l’aborto da parte della destra dura e pura, in Spagna e in altri paesi. Ma anche se Fillon non rimetterà in causa la legge, ci sarà la questione dei mezzi: con il suo governo (2007-2012) sono stati chiusi più di 150 centri di Ivg in Francia, rimettendo in causa il diritto di accesso”. Ieri, un sostenitore di Fillon, il sindaco di Aulnay-sous-bois, Bruno Beschizza, ha impedito che venissero affissi nel suo comune dei manifesti della campagna di prevenzione dell’Aids, rivolti in particolare agli omosessuali, perché “contrari al buon costume e alla moralità”. La ministra della Sanità, Marisol Turaine, ha sporto denuncia.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Tepco plays down decontamination failure

Tokyo Electric Power Co. played down concern that a solution to its nuclear crisis may be delayed, one day after finding more radiation than expected must be removed from millions of liters of water before other work can proceed.

Migranti, l’Italia la spunta via il Trattato di Dublino ogni paese avrà una quota

Con il via libera alla modifica cade il principio della responsabilità per i Paesi del primo ingresso che penalizzava le nazioni del sud

I due volti di Teheran

Le profonde divisioni tra riformisti e conservatori si sono riaccese. Un Paese che deve stare attento a non esplodere dall’interno non è nella posizione migliore per raccogliere la provocazione saudita

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment