Pensioni, l’Ape costa un quinto della pensione

Pensioni, l’Ape costa un quinto della pensione

«L’anticipo pensionistico (Ape) funzionerà o non funzionerà, ci sono opinioni diverse, l’unica risposta che ho è: vedremo» ha detto ieri il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan nell’audizione sul Ddl Bilancio davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Una tesi non rassicurante sugli effetti di una misura, concepita dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini, che apre la previdenza al mercato di banche e assicurazioni. Chi ha 63 anni di età e 30 di contributi – se disoccupati o disabili – e 36 se impegnati in attività particolarmente pesanti (e per almeno sei anni), può accedere all’Ape social. Sarà pagata dall’Inps, ma penalizza chi fa un lavoro usurante. Dovrà continuare a svolgerlo. La Cgil ha protestato contro l’aumento della soglia a 36 anni. Cesare Damiano (Pd) si è detto preoccupato del fatto che Padoan non ha dato certezze nemmeno sulle risorse finanziarie per l’Ape social.
Per quanto riguarda l’Ape «volontaria», invece, i costi graveranno sulle spalle dei lavoratori aventi diritto (63 anni di età e 20 di contributi). Secondo una simulazione diffusa ieri da Nannicini i costi ipotetici sono i seguenti: con una pensione lorda di mille euro la pensione netta sarebbe 865 euro. Se si chiede un anticipo dell’85%, la pensione sarebbe tagliata a 736 euro per 3 anni. Poi arriverà la pensione vera e propria e si prenderà 725 euro. Per ripagare il prestito ci vorranno vent’anni con un «costo» del 4,6% per ogni anno d’anticipo. Nel caso di una pensione netta di 1.286 euro, e un anticipo dell’85%, l’assegno cala a 1.093 euro. Dopo tre anni si prenderebbero 1.078 euro con un costo del 4,7% per anno d’anticipo. Il costo sarebbe di 208 euro per 13 mesi: un quinto della pensione. Un affare, per le banche. I lavoratori dipendenti e autonomi con almeno 63 anni di età che potranno accedere all’Ape volontaria saranno 300 mila nel 2017 e 115 mila nel 2018. Per l’Ape social sono 35 mila nel 2017, 20 mila nel 2018; 50 mila sono i lavoratori precoci (25.000 l’anno fino al 2018); i lavori usuranti 6 mila ogni anno.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Tremonti, legge 626 un lusso che non possiamo permetterci

Tremonti, legge 626 un lusso che non possiamo permetterci

Il ministro al Berghem Fest, rinunciare a tante regole inutili

Agcom, il Pd affonda Zencovich braccio di ferro sul nuovo presidente

Spunta il nome di Catricalà  per la successione a Calabrò Possibile outsider è Fabio Colosanti, da otto anni alto funzionario della Ue a Bruxelles

FUGA DALL’ITALIA

«Fiat terra mare cielo», recitava una vecchia pubblicità  della multinazionale torinese ai tempi in cui da casa Agnelli usciva di tutto, dalle littorine agli aerei, dagli autobus ai cioccolatini. Più che una pubblicità  della Fiat era una pubblicità  dell’Italia. Le cose sono profondamente cambiate da quando i treni sono finiti in mano francese, gli aerei al fondo americano Carlyle, quello dei Bush, gli autobus vengono costruiti in Francia e in Cechia e gran parte delle automobili negli Stati uniti, in Polonia, in Serbia, in Turchia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment