I dannati nei ghetti pugliesi dello sfruttamento

Geografia politica dello sfruttamento. Una forza lavoro governata dal sistema produttivo e da quello criminale

Roberto Ciccarelli, il manifesto • 10/12/2016 • Diritti umani & Discriminazioni, Immigrati & Rifugiati • 1181 Viste

Il «ghetto» nelle campagne pugliesi è un sistema concentrazionario di nuovo tipo dove una moltitudine di braccianti di ogni nazionalità arrivano e ripartono in ogni stagione della raccolta dei prodotti della terra. È un dispositivo di governo della forza lavoro gestita, in maniera opaca, ma sotto gli occhi di tutti, dal sistema produttivo e da quello criminale. Si specula sulla quota di affitto per un posto letto, sul trasporto per condurre i braccianti nelle campagne.

*** Reportage: I dannati nei ghetti della Capitanata

Il ghetto è una fabbrica dove ciascuno ha il suo ruolo: chi lavora, chi paga, chi sfrutta, chi lucra. Sono stati ideati da mediatori e caporali, per nascondere manodopera «mobile», che si muove a seconda della richiesta dei cicli produttivi stagionali, in pochi luoghi lontani dalle comunità. In Puglia sarebbero 55, sostiene il terzo rapporto sull’agricoltura e il lavoro migrante della Flai Cgil (2015). Una regione che conta su oltre 180 mila braccianti, un quinto dell’intero paese. I braccianti stranieri sono 40mila, assunti registrati, ma innumerevoli altri sono quelli che lavorano in nero. Impossibile per un bracciante straniero che guadagna 15-20 euro al giorno poter prendere una casa in affitto.

*** Gli schiavi delle campagne pugliesi per 15 euro al giorno

I ghetti suppliscono anche a una sistematica carenza di politiche alloggiative. I più noti sono quelli di Rignano Garganico, una zona franca dove vivono braccianti, prostitute e caporali. Fino a 800 nel «ghetto Ghana»; mille nel «ghetto dei bulgari» teatro dell’ultima tragedia.

È la parte emersa del sistema della «mediazione da lavoro (la possiamo chiamare Mafia Caporale!) che si regge sulla domanda di servizi originata dagli stessi migranti che sfrutta. È una tangente per restare in vita, per non ammalarsi, per non morire» scrivono Leonardo Palmisano e Yvan Sagnet nel libro-inchiesta «Ghetto Italia» (Fandango).

SEGUI SUL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This