L’Europa sposta le sue frontiere in Mali

L’Europa sposta le sue frontiere in Mali

L’Europa comincia a esternalizzare le sue frontiere in Africa. Dopo l’accordo del marzo scorso con la Turchia, domenica è stato firmato con il Mali il primo compact con un paese africano allo scopo di fermare, o almeno limitare, le partenze dei migranti e favorire il rimpatrio di quelli a cui è stata respinta la richiesta di asilo. L’intesa è la prima conseguenza del vertice Ue-Africa che si è tenuto a novembre del 2015 alla Valletta e si inserisce perfettamente nei migration compact di cui si discuterà giovedì a Bruxelles nel corso dell’ultimo summit dell’anno tra i capi di stato e di governo europei.

«E’ la prima volta che l’Ue prende degli impegni così definiti con un paese africano in merito al rimpatrio dei richiedenti asilo», ha commentato il ministero degli Esteri olandese Bert Koenders, che ha firmato l’accordo a nome dell’Unione europea. Dietro il solito impegno nel contrasto dei trafficanti di uomini, l’accordo prevede un impegno da parte dell’Europa nel rafforzare i servizi di sicurezza del Mali, la possibilità che funzionari maliani agiscano in Europa aiutando le autorità nell’identificare i migranti del proprio paese e la fornitura di documenti per il rientro in patria. In cambio Bamako riceverà finanziamenti per 145,1 milioni di euro destinati a nove progetti finalizzati a favorire il lavoro giovanile.

Anche se l’occupazione delle milizie islamiche è finita, la tensione nel paese africano resta alta, in molto particolare nelle regioni del Nord. Nonostante questo evidentemente Bruxelles ritiene il Mali un paese sicuro dove rispedire i migranti irregolari.

Nuovi accordi potrebbero seguire adesso con altri paesi africani. Bruxelles ha infatti già avviato contati con Nigeria, Niger, Etiopia e Senegal, che con il Mali fanno parte dei primi cinque stati previsti dai migration compact su cui sta lavorando l’Unione europea. Numero che però potrebbe aumentare già con il Consiglio europeo di giovedì.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Siria, la protesta nel sangue “I morti sono almeno 100” Assad promette riforme

Ma l’opposizione boccia l’apertura. Oggi nuovi cortei Condanniamo la repressione brutale delle manifestazioni, l’uccisione di civili, gli arresti arbitrari

Le politiche di accoglienza dei migranti a Riace e gli insulti di Salvini al sindaco Lucano

Calabria. E intanto sono due anni che il Comune deve ricevere fondi che gli spettano, rischiando il dissesto secondo quello che sembra un piano preordinato

Festival di Venezia: “disumana e pericolosa la paura dei migranti”

  L’etiope Timnit T interprete di Terraferma – Foto: Piucinema.it

I migranti, fino ad ora protagonisti di pericolosi viaggi della speranza e degli allarmismi della politica al punto da mettere in discussione nei mesi scorsi anche gli accordi di Scenghen, “sbarcano” in questi giorni non solo a Lampedusa, ma anche alla 68° Mostra del Cinema di Venezia. Lo fanno sia in alcune pellicole che in modo differente raccontano il dramma dell’immigrazione e i limiti di chi ne vede solo i lati negativi, che con un appello lanciato da registi, autori, produttori e attori all’opinione pubblica ed alle istituzioni: “Per contribuire con la nostra voce, oltre che con i nostri racconti – ci ha spiegato il regista Andrea Segre primo firmatario dell’appello – alla costruzione di una società  meno soggetta a chiusure e derive xenofobe”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment