Referendum. Vince il No e la sinistra alza la bandiera

Referendum. Vince il No e la sinistra alza la bandiera

Secondo Berlusconi adesso Renzi sarebbe pronto per l’Isola dei famosi. La realtà è sfuggita al premier e il reality è la sua fallace dimensione.

Lo dice questo voto, un terremoto politico e non solo per il significato che assume nel contesto italiano. E’, dopo lo splendido voto austriaco, un forte segnale per tutta l’Europa che da Vienna e da Roma riceve un messaggio di fiducia nelle istituzioni e nelle Costituzioni parlamentari.

La vittoria piena e travolgente del No è frutto di una grande partecipazione popolare, di un’affluenza che travalica il confine della consultazione referendaria per assumere i connotati di un’elezione politica. Sfiorare il 70% di affluenza avvicina la prova elettorale di ieri alle elezioni del 2013 (si recò al seggio il 75% degli elettori), e dà la misura dell’opposizione alla riforma certamente, ma anche al governo e alla leadership che lo guida. Renzi ne ha preso atto ieri notte annunciando le dimissioni.

Avremo tempo e modo di analizzare a fondo la geografia di questo voto, ma intanto è evidente che a traballare non è solo palazzo Chigi perché anche al Nazareno si dovrà prendere atto della sconfitta del Pd condotto dal suo segretario nella battaglia di uno contro tutti. La destra e Berlusconi, che paladini della Costituzione non sono mai stati, colgono un risultato politico necessario a mantenerli in vita. Se sarà anche sufficiente a riunirli lo vedremo.

Più chiara e netta è invece la traiettoria del M5Stelle che alla fine ha sposato la campagna mobilitando le piazze e i social network con le sue figure più rappresentative, da Grillo alle giovani sindache ai parlamentari che hanno tenuto il campo davanti alle telecamere.

E, tra tutti i vincitori, la sinistra porta a casa la bandiera della vittoria morale. Una bandiera importante perché è stata la sinistra, con tutte le sue associazioni, dall’Anpi alla Cgil, a difendere la Costituzione senza se e senza ma.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Le donne dicono basta Se non ora, quando?

Bella immagine dell’Italia! Per chi sembrava ossessionato dall’idea che ci si poteva fare all’estero del nostro Paese, accusando alcuni intellettuali di “tradire l’Italia” con i propri libri e i propri articoli, il risultato è eccellente.

Senato, ok all’articolo 1 172 i sì grazie a Verdini Grasso taglia i voti segreti

La maggioranza si allarga ma è bagarre in aula Ira delle opposizioni contro il canguro e il presidente

Stadio della Roma al via: società e Comune firmano l’accordo

Campidoglio. Dopo un ricovero per un malore, Raggi incontra i proponenti a Palazzo Senatorio per l’intesa: dimezzate le cubature della cittadella

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment