Referendum. Vince il No e la sinistra alza la bandiera

Referendum. Vince il No e la sinistra alza la bandiera

Secondo Berlusconi adesso Renzi sarebbe pronto per l’Isola dei famosi. La realtà è sfuggita al premier e il reality è la sua fallace dimensione.

Lo dice questo voto, un terremoto politico e non solo per il significato che assume nel contesto italiano. E’, dopo lo splendido voto austriaco, un forte segnale per tutta l’Europa che da Vienna e da Roma riceve un messaggio di fiducia nelle istituzioni e nelle Costituzioni parlamentari.

La vittoria piena e travolgente del No è frutto di una grande partecipazione popolare, di un’affluenza che travalica il confine della consultazione referendaria per assumere i connotati di un’elezione politica. Sfiorare il 70% di affluenza avvicina la prova elettorale di ieri alle elezioni del 2013 (si recò al seggio il 75% degli elettori), e dà la misura dell’opposizione alla riforma certamente, ma anche al governo e alla leadership che lo guida. Renzi ne ha preso atto ieri notte annunciando le dimissioni.

Avremo tempo e modo di analizzare a fondo la geografia di questo voto, ma intanto è evidente che a traballare non è solo palazzo Chigi perché anche al Nazareno si dovrà prendere atto della sconfitta del Pd condotto dal suo segretario nella battaglia di uno contro tutti. La destra e Berlusconi, che paladini della Costituzione non sono mai stati, colgono un risultato politico necessario a mantenerli in vita. Se sarà anche sufficiente a riunirli lo vedremo.

Più chiara e netta è invece la traiettoria del M5Stelle che alla fine ha sposato la campagna mobilitando le piazze e i social network con le sue figure più rappresentative, da Grillo alle giovani sindache ai parlamentari che hanno tenuto il campo davanti alle telecamere.

E, tra tutti i vincitori, la sinistra porta a casa la bandiera della vittoria morale. Una bandiera importante perché è stata la sinistra, con tutte le sue associazioni, dall’Anpi alla Cgil, a difendere la Costituzione senza se e senza ma.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Quel clima torbido che ritorna tra paure, rancori, scandali e ricatti

Torbido. Ai tempi della Prima Repubblica il clima di questi giorni lo avremmo definito sicuramente così. Torbidi furono quei giorni del ’ 64 (anche allora era luglio) in cui Pietro Nenni, e non solo lui, sentì nitido un «tintinnar di sciabole» , e si risolse— «cari compagni, non c’è altra strada» — a rientrare nella «stanza dei bottoni» del governo, mettendo in conto che i bottoni cari ai socialisti non li avrebbe potuti premere mai. Torbidi furono, per definizione, gli anni della «strategia della tensione» , quando persino al prudentissimo Arnaldo Forlani toccò rendere noto (era il 1972) un attacco eversivo, interno ed esterno, almeno a suo dire senza precedenti.

Quella ferita ancora aperta su D’Ambrosio

 ROMA — L’amarezza di Giorgio Napolitano torna a farsi sentire nel giorno del ricordo del suo consigliere giuridico Loris D’Ambrosio, testimone dell’inchiesta sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia divenuto, scandisce il presidente della Repubblica riprendendo le parole del professor Fiandaca, «vittima di un perverso giuoco politico-giudiziario e mediatico».

MINGHETTI, SELLA, SPAVENTA E L’AZIONE DEL GOVERNO DI OGGI

Lo spirito di quel gruppo dirigente liberale che svolse il suo programma fino al 1876 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment