14 leader sociali assassinati da paramilitari in Colombia in un mese

14 leader sociali assassinati da paramilitari in Colombia in un mese

Nel mese di gennaio 2017 sono stati assassinati in Colombia 14 leader sociali e difensori dei diritti umani. Tra loro, una donna e 3 militanti di Marcha Patriotica. Quasi tutti gli omicidi sono stati commessi da un gruppo paramilitare, le Autodenominadas Autodefensas Gaitanistas de Colombia in zone con forte presenza militare e di polizia dello Stato, nei dipartimenti del Cauca, Valle del Cauca, Antioquia, Córdoba, Chocó e Cesar.

Il 2016 si era chiuso con l’omicidio di 116 leader sociali e difensori dei diritti umani. Tra loro 19 donne e 23 militanti di Marcha Patriotica. Cinque persone risultano scomparse forzatamente, 46 gli attentati registrati e 350 le minacce ricevute, individualmente e collettivamente.

Questa situazione, sottolineano il Movimiento Marcha Patriótica insieme a Mesa Nacional de Garantías para Defensores de Derechos Humanos Sub Comisión de Garantías y Derechos Humanos de Cumbre Agraria, Campesina, Étnica y Popular, Congreso de los Pueblos, Red Nacional de Defensoras de Derechos Humanos, FENSUAGRO – CUT, non fa che conformare la sistematicità degli attacchi nonostante il governo colombiano continui a sostenere che non ci sono legami tra i vari omicidi. Inoltre tale situazione è la prova concreta dell’esistenza e dell’agire dei gruppi paramilitari nel territorio nazionale.

Di fronte a questo panorama le organizzazioni chiedono allo Stato colombiano di implementare gli accordi di pace dell’Avana per quello che riguarda la Commissione Nazionale di Sicurezza e la Unità Speciale di indagine per lo smantellamento delle organizzazioni e comportamenti responsabili di omicidi e massacri contro difensori dei diritti umani, movimenti sociali e persone che partecipano all’implementazione degli accordi di pace.

Alla società colombiana, le organizzazioni chiedono di non rimanere in silenzio di fronte al genocidio.



Related Articles

Fortezza Ungheria: «Profughi rinchiusi nei campi»

Fortezza Europa. Sì del parlamento ungherese alla legge che autorizza la detenzione dei richiedenti asilo

Salento, prove di lotta al caporalato

Bari. Accordo con regione e sindacati: i braccianti africani si iscriverano al collocamento
In sciopero da giorni per il contratto, i lavoratori hanno avuto un primo incontro con le istituzioni: i datori di lavoro assumeranno tenendo conto delle iscrizioni alle liste di prenotazione

In Asia il primato delle esecuzioni

Amnesty International. Il rapporto sulla pena di morte nel mondo durante il 2015

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment