Manifestazione a Venezia contro i TSO camuffati sui bambini

Manifestazione a Venezia contro i TSO camuffati sui bambini

Venezia. Ieri davanti al Tribunale dei minori di Venezia si è tenuta una manifestazione sulla controversa decisione del Tribunale di Venezia nei confronti del ragazzo “effeminato” di Padova, e per protestare contro i cosiddetti allontanamenti facili dalle famiglie, basati su perizie e valutazioni soggettive di natura psichiatrica o psicologica, in assenza di reali maltrattamenti. Circa cento cittadini e volontari delle associazioni hanno partecipato alla manifestazione, indetta da Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, Genitori Sottratti, Genitori Separati dai Figli e Pronto Soccorso Famiglia.

Il Presidente del Tribunale aveva finalmente ascoltato i genitori del ragazzo, ma questo segnale positivo cozza contro la decisione del Presidente di non ricevere i delegati della manifestazione e di non far parlare il ragazzo – il diretto interessato.

“Le convenzioni internazionali sui diritti dei fanciulli garantiscono loro il diritto a essere sentiti dal tribunale, e non comprendiamo come o perché questo diritto sia stato negato,” ha commentato Paolo Roat, Responsabile Nazionale Tutela Minori del CCDU Onlus. “L’essere affetto da veri o presunti disagi psichici o disabilità, non pregiudica il diritto di un minore a essere ascoltato: se così fosse, si tratterebbe di una grave discriminazione nei confronti delle persone disabili. Siamo a conoscenza di altri casi in cui, ragazzi e ragazze a rischio di allontanamento, non sono stati ascoltati dal Tribunale – forse proprio a causa della loro disabilità?”

Il Vicepresidente del CCDU Silvio De Fanti si è detto molto amareggiato della decisione del Presidente di non accogliere la delegazione: “La manifestazione è stata indetta appositamente alle 11.00, un’ora dopo l’udienza, e ci tenevamo a parlare col Presidente. Il nostro non era un tentativo di influenzare le sue decisioni su questo caso, ma in questi anni abbiamo denunciato gli enormi traumi causati a bambini e famiglie causati da interventi coatti, motivati da valutazioni psichiatriche o psicologiche. In parecchi casi, fortunatamente, tali decisioni non sono state implementate, perché un’analisi più approfondita, basata su un’istruttoria adeguata, ha dimostrato come l’approccio umano e comprensivo fosse molto più efficace e appropriato. Come nel caso di un ragazzo di Bassano che, una volta sottratto a queste pratiche coercitive, si sta rifacendo una vita felice. Molti casi di cui siamo venuti a conoscenza lo dimostrano inequivocabilmente: le valutazioni e perizie psichiatriche dovrebbero essere considerate come semplici opinioni, non come prove accertate.”

Tra i manifestanti c’erano anche mamme e papà colpiti da queste vicissitudini. In particolare, una mamma prima di partire ha scritto su Facebook: “Non molto tempo fa pensavo che mai sarei tornata in quel posto, già in quel posto… invece domani sarò lì, lì di fronte a quell’entrata che tanto mi ha fatto piangere, specialmente durante il viaggio di andata. Carica di tensione e cercando di sfogare prima, per avere poi auto controllo e calma, lavorando su me stessa come mai nessuno al mondo dovrebbe imparare a fare. Domani sarò lì come genitore libero da qualsiasi catena, unico filo conduttore insieme ad altri: i nostri bambini! Perché io ci credo, ci credo che qualcosa possa cambiare!”

 

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus



Related Articles

Crescono solo le facoltà tecniche atenei impoveriti da 5 anni di recessione

 Iscritti totali -12%, Agraria +44%. Il Sud non studia più (-20%)   

WELFARE. Proposta di legge sindacale per anziani non autosufficienti

NULL (da il manifesto, 19 Gennaio 2006) Cgil, Cisl e Uil: una legge per gli anziani in disagio Mezzo milione

PAROLA D’ORDINE: DEMOLIRE IL MOVIMENTO

Ci sono le manifestazioni di protesta di migliaia di studenti in tutta Italia? Ci sono le occupazioni delle scuole? Ci sono sindacati che, dopo aver indetto in modo unitario le assemblee coi docenti in preparazione di uno sciopero, poi non lo fanno? Tipo Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals-Confsal, Gilda Fgu? Sì, certo. Ma ci sono soprattutto decine di opinionisti che in queste settimane hanno cominciano con la retorica contro gli studenti e chi protesta. Si ha la sensazione che ben pochi di loro cerchino di capirne le ragioni. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment