Usa-Messico. Costruire un muro alla frontiera una scelta bipartisan

Usa-Messico. Costruire un muro alla frontiera una scelta bipartisan

È il 29 settembre 2006, al Senato degli Stati uniti si vota la legge «Secure Fence Act» presentata dall’amministrazione repubblicana di George W. Bush, che stabilisce la costruzione di 1100 km di «barriere fisiche», fortemente presidiate, al confine col Messico per impedire gli «ingressi illegali» di lavoratori messicani. Dei due senatori democratici dell’Illinois, uno, Richard Durbin, vota «No»; l’altro invece vota «Sì»: il suo nome è Barack Obama, quello che due anni dopo sarà eletto presidente degli Stati uniti. Tra i 26 democratici che votano «Sì», facendo passare la legge, spicca il nome di Hillary Clinton, senatrice dello stato di New York, che due anni dopo diverrà segretaria di stato dell’amministrazione Obama. Hillary Clinton, nel 2006, è già esperta della barriera anti-migranti, che ha promosso in veste di first lady.

È stato infatti il presidente democratico Bill Clinton a iniziarne la costruzione nel 1994. Nel momento in cui entra in vigore il Nafta, l’Accordo di «libero» commercio nord-americano tra Stati uniti, Canada e Messico. Accordo che apre le porte alla libera circolazione di capitali e capitalisti, ma sbarra l’ingresso di lavoratori messicani negli Stati uniti e in Canada.

Il Nafta ha un effetto dirompente in Messico: il suo mercato viene inondato da prodotti agricoli statunitensi e canadesi a basso prezzo (grazie alle sovvenzioni statali), provocando il crollo della produzione agricola con devastanti effetti sociali per la popolazione rurale.

Si crea in tal modo un bacino di manodopera a basso prezzo, che viene reclutata nelle maquiladoras: migliaia di stabilimenti industriali lungo la linea di confine in territorio messicano, posseduti o controllati per lo più da società statunitensi che, grazie al regime di esenzione fiscale, vi esportano semilavorati o componenti da assemblare, reimportando negli Stati uniti i prodotti finiti da cui ricavano profitti molto più alti grazie al costo molto più basso della manodopera messicana e ad altre agevolazioni.

Nelle maquiladoras lavorano soprattutto ragazze e giovani donne. I turni sono massacranti, il nocivo altissimo, i salari molto bassi, i diritti sindacali praticamente inesistenti. La diffusa povertà, il traffico di droga, la prostituzione, la dilagante criminalità rendono estremamente degradata la vita in queste zone. Basti ricordare Ciudad Juárez, alla frontiera con il Texas, tristemente famosa per gli innumerevoli omicidi di giovani donne, per lo più operaie delle maquiladoras.

Questa è la realtà al di là del muro: quello iniziato dal democratico Clinton, proseguito dal repubblicano Bush, rafforzato dal democratico Obama, lo stesso che il repubblicano Trump vuole completare su tutti i 3000 km di confine. Ciò spiega perché tanti messicani rischiano la vita (sono migliaia i morti) per entrare negli Stati uniti, dove possono guadagnare di più, lavorando al nero a beneficio di altri sfruttatori.

Attraversare il confine è come andare in guerra, per sfuggire agli elicotteri e ai droni, alle barriere di filo spinato, alle pattuglie armate (molte di veterani delle guerre in Iraq e Afghanistan), addestrate dai militari con le tecniche usate nei teatri bellici. Emblematico il fatto che, per costruire alcuni tratti della barriera col Messico, l’amministrazione democratica Clinton usò negli anni Novanta le piattaforme metalliche delle piste da cui erano decollati gli aerei per bombardare l’Iraq nella prima guerra del Golfo, fatta dall’amministrazione repubblicana di George H.W. Bush. Utilizzando i materiali delle guerre successive, si può sicuramente completare la barriera bipartisan.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

IL DIFFICILE DIALOGO TRA ROMA E BERNA

 La Svizzera ha superato i sette secoli di storia, l’Italia va per i 152, eppure solo ieri, a Roma, è stato inaugurato il primo Forum di dialogo fra le due nazioni, che ha riunito un centinaio di esponenti del mondo della cultura, della politica e dell’economia. Due paesi molto più integrati sotto il profilo economico e commerciale di quanto ciascuno di loro non sia con la Cina o con le altre “fabbriche del mondo”.

Khan, un musulmano conquista Londra

Gran Bretagna. Una vittoria oggi del tutto impossibile in altre capitali europee, e che dà a quella britannica il primato di città occidentale tra le più aperte

Le “spose bambine” in Europa e in Italia

spose bambine

Samina aveva addirittura cinque anni quando la sua famiglia le ha imposto un matrimonio forzato con un uomo molto più grande di lei. Il giorno delle nozze, celebrate con rito islamico, non capiva ovviamente cosa le stesse accadendo, ma da lì per lei è iniziato l’inferno. “Non mi era permesso nemmeno andare in giardino. Ricordo che sentivo la mancanza del sole sul mio viso. Guardavo dalla finestra i bambini che giocavano fuori e provavo un senso d’invidia schiacciante” racconta in una sofferta intervista al giornale inglese The Sun.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment