Yemen. Il primo raid antiterrore finisce in tragedia

Yemen. Il primo raid antiterrore finisce in tragedia

WASHINGTON Lo Yemen è un terreno di caccia americano. Sotto Obama lo hanno «marcato» con i missili. Tanti i terroristi e i civili uccisi. Ora c’è un nuovo sceriffo in città — Trump —, che si pone ancora meno limiti.

Un’incursione di forze speciali statunitensi a Yakla, regione centrale, in un rifugio di Al Qaeda si è chiusa con un bilancio serio. Un soldato americano morto e tre feriti. Un velivolo Osprey distrutto. Quattordici militanti eliminati, non meno di 16 civili uccisi, compresi 8 bambini. Forse sono di più. Tra loro ci sarebbe Nora, la figlia di 8 anni dell’imam Anwar Al Awlaki, ispiratore della jihad globale, riferimento per numerosi attentatori occidentali, anche lui fatto fuori nel 2011 da un drone. Numeri non definitivi.

La prima missione nel segno di The Donald e con il primo caduto sotto la sua amministrazione ha avuto le caratteristiche di una battaglia. Una task force, forse partita da una base in Eritrea o da una nave d’assalto anfibio, si è mossa a bordo di elicotteri e velivoli speciali Osprey. Al loro fianco i droni e gli Apaches. Testimoni hanno riferito di un primo bombardamento che ha centrato la casa di Abdul Raouf al Dahab, dirigente di al Qaeda. Quindi sono sbarcati i Navy Seal 6 che hanno aperto il fuoco sui sopravvissuti e hanno ingaggiato il combattimento con i mujaheddin.

Le fonti ufficiali parlano di un’ora di scontri, altre ricostruzioni parlano di due. Nel conflitto a fuoco alcuni commandos sono rimasti feriti. In loro soccorso è intervenuto un Osprey, ma che è rimasto danneggiato in un atterraggio duro. I soldati lo hanno allora distrutto con l’esplosivo. Quindi il reparto ha lasciato il campo portandosi via — come segnala il Comando centrale — materiale per l’intelligence utile per future missioni. Nello stesso comunicato si sottolinea che il blitz fa parte di una serie di mosse «aggressive» nello Yemen e su scala globale. La decisione di colpire al Dahab era stata presa ancora sotto Obama, ma il piano — per motivi tecnici — non era stato completato.

Che abbiano scelto la penisola arabica per lanciare il primo messaggio è in linea con quanto è avvenuto in passato. Nel solo 2016 i velivoli senza pilota statunitensi hanno effettuato nello Yemen 38 strikes , un record. Una componente di un’offensiva che ha visto il ricorso a caccia e unità scelte. Attività militari che si sono svolte in parallelo al conflitto civile, dove la coalizione a guida saudita è impegnata contro gli sciiti houti e gli alleati locali. Guerra dove la popolazione è falciata da bombe e missili.

Molti osservatori si aspettano che il Pentagono avrà maggiori spazi di manovra e meno paletti. Nell’ordine esecutivo per la lotta all’Isis firmato da Trump si specifica che i generali non saranno più tenuti alle vecchie regole di ingaggio e leggi internazionali. In alcune regioni, Obama, pur autorizzando l’eliminazione di quadri Isis e al Qaeda, aveva fissato dei limiti per non creare contrasti con i governi locali — è il caso dell’Afghanistan — e ridurre le conseguenze per i civili.

Più volte dagli ambienti militari erano trapelati malumori nei confronti della Casa Bianca che avrebbe rallentato o bloccato operazioni quando non c’erano sufficienti garanzie di successo. Ora Trump renderà la catena di comando più agile, con tutto quello che ne consegue per i teatri dove corpi d’elite e militanti si affrontano .

Guido Olimpio



Related Articles

Colombia – UN Security Council optimistic despite sustained campaign of assassination

The recent peace agreement with the FARC seeking to end a conflict ongoing since at least the 60’s that has left an estimated 260,000 people dead and over 60,000 missing was signed off by former President Juan Manuel Santos

«Il sostegno cieco alle rivoluzioni non porta democrazia»

WASHINGTON — «Conoscevo l’ambasciatore Stevens, so che faceva del suo meglio per la Libia e per il mondo arabo. La sua morte e quelle dei marine segnano un tragico passo indietro nei rapporti con l’Islam non solo per noi ma per tutto l’Occidente.

Il caso Belaid: traiettorie di un omicidio politico

  Chokri Belaid – Foto: lemonde.fr

L’atmosfera. “Se non c’è nulla di buono nell’antico, che venga il nuovo, benché cattivo. Qualunque cosa in luogo del nulla! La morte stessa è rinnovamento”. Sono parole di Naguib Mahfouz, letterato arabo insignito del premio Nobel nel 1988. Il romanzo da cui sono tratte ha un titolo tristemente significativo: “Il Giorno dell’Assassinio del Leader”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment