Ceta. Primo passo per la ratifica al parlamento europeo

Ceta. Primo passo per la ratifica al parlamento europeo

Si dividono i socialisti, contrari Verdi e L’Altra europa: «A rischio sovranità popolare»

BRUXELLES. Continua il percorso di ratifica del Ceta, il trattato di libero scambio fra Unione europea e Canada, che ieri ha incassato il voto favorevole della commissione Inta (commercio internazionale) del parlamento europeo con 25 voti favorevoli, 15 contrari e un astenuto. Una tappa obbligata prima della votazione finale dell’europarlamento, chiamato a riunirsi in seduta plenaria il 15 febbraio a Strasburgo, per la creazione di un mercato economico e commerciale unico fra Ue e Canada.

Un accordo che divide il mondo politico. «Oggi facciamo un passo in avanti contro il protezionismo e il populismo», ha dichiarato Artis Pabriks, fra i relatori del testo e membro del Partito popolare europeo (espressione della presidenza del Consiglio, del Parlamento e della Commissione europea). Di un «accordo vergognoso che mette a rischio la sovranità popolare» parla invece Eleonora Fiorenza, del gruppo Gua (L’Altra europa), con riferimento ai tribunali d’arbitraggio internazionali (Ics) chiamati a esprimersi (ed eventualmente a sanzionare) nelle diatribe fra Stati e multinazionali. Si dividono invece i socialisti europei che in commissione hanno dato 5 voti favorevoli e 5 contrari, i quali però assicurano che un’intesa per il voto di metà febbraio è sempre possibile. Il nodo da sciogliere sarà la posizione dei socialisti belgi, protagonisti di una dura opposizione che nell’ottobre scorso aveva fatto slittare di qualche giorno la firma del trattato. «Oggi ho votato no perché le modifiche che avevamo chiesto non ci sono state» ha dichiarato Maria Arena, eurodeputata socialista belga, al termine della seduta della commissione Inta.

Compatti contro il Ceta i verdi che puntano il dito contro i socialisti europei: «Hanno smesso di stare dalla parte dei cittadini», dice l’eurodeputato verde Philippe Lamberts.

Il Ceta, se approvato dal parlamento europeo, entrerà in vigore in modalità provvisoria in attesa che ogni Stato membro lo ratifichi. Intanto non è stata ancora formalmente interpellata la Corte di giustizia europea, chiamata a esprimersi sulla legittimità dei tribunali d’arbitraggio. Condizione che aveva inizialmente sbloccato l’ostruzionismo dei socialisti belgi alla firma del trattato.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Ttip all’arrembaggio, dodicesimo round

Commercio mondiale. Riprende il negoziato Ue-Usa, per la liberalizzazione degli scambi in tutti i settori. Sul tavolo gli scogli dell’agricoltura, della minaccia di esplosione dei servizi pubblici e dei tribunali arbitrali privati

Per chi suona la patrimoniale?

NUOVA FINANZA PUBBLICAAnche il Presidente del Consiglio Monti è tornato a parlare di una «modesta tassazione generalizzata del patrimonio» per far fronte ai rigidi vincoli di bilancio che lui stesso ha imposto all’Italia. E’ infatti chiaro che, a fronte di un’austerità  che taglia alcune spese, ma porta ancora recessione, è necessario avere più entrate a breve, allargando la base imponibile, per sostenere l’avanzo primario necessario a pagare gli ingenti interessi sul debito. Il tutto in attesa che si inizino a privatizzare numerosi beni pubblici per fare cassa.

Trattativa in salita per Federauto Mirafiori, oggi parla Marchionne

Attesa per il vertice tra l’ad e i top manager. E Uilm rilancia la marcia pro-accordo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment