Florida. Strage in aeroporto, 5 morti, a sparare un soldato Usa

Florida. Strage in aeroporto, 5 morti, a sparare un soldato Usa

Sono almeno cinque le vittime di una sparatoria che ha avuto come teatro ieri l’aeroporto internazionale di Fort Lauderdale-Hollywood, il secondo scalo dello Stato della Florida. I feriti sarebbero otto. Il responsabile è stato catturato dalla polizia: si tratta di un soldato americano di 26 anni, identificato con il nome di Bill Nelson.

L’uomo ha aperto il fuoco intorno alle 12.30 ora locale nella zona di ritiro dei bagagli del Terminal 2 dell’aeroporto. Secondo i testimoni, avrebbe puntato alla testa di alcune persone presenti, per poi essere colpito dai poliziotti mentre ricaricava l’arma e poi arrestato.

Al momento i dettagli sono pochi, compreso il movente. Non si sa se il militare abbia agito da solo. Tra le persone presenti sul luogo della sparatoria anche l’ex responsabile dell’ufficio stampa della Casa Bianca dell’era Bush, Ari Fleischer, che ha raccontato sui social di momenti di panico e gente in fuga.

Il presidente eletto Trump si è limitato per ora ad un tweet: «[Sto] monitorando la terribile situazione in Florida. Ho appena parlato con il governatore Scott. Pensieri e preghiere per tutti». Torna così sotto i riflettori la questione calda della diffusione incontrollata di armi negli Stati Uniti, mantra del tycoon che vuole ulteriormente liberalizzarla. Barack Obama ha tentato a lungo di limitarla ma senza successo né sponde al Congresso.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Kerry, da pacifista a falco della guerra

«HA UNA faccia strana, una faccia diversa, non sembra più lui», dicono tutti quelli che hanno visto John Kerry perorare l’attacco alla Siria davanti al Senato. È malato? O quel volto è lo specchio dell’anima di un uomo che non è più se stesso?

L’annuncio di Obama: «Giustizia è fatta»

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu «si felicita» per la morte di Bin Laden

Reporter a piedi scalzi

Dalle zone della guerriglia maoista un esempio di «citizen journalism» che usa le lingue locali e viaggia sul mezzo più diffuso e democratico: il telefono. Swara è la prima voce dei «senzavoce» e l’establishment la teme

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment