Nasce il Coordinamento di Coltivatori di Coca, Papavero e Marihuana nel Cauca

Nasce il Coordinamento di Coltivatori di Coca, Papavero e Marihuana nel Cauca

La capitale del Cauca, Popayán, nel sudovest colombiano è stata l’epicentro della prima assemblea e presentazione della Coordinadora Nacional de , Papavero y Marihuana – COCCAM (Coordinamento di Coltivatori di Coca, Amapola and Marihuana), uno spazio creato da contadini, indigeni e afro-discendenti che coltivano queste piante in tutto il paese.

L’iniziativa di formare il COCCAM è nata il 10 e 11 gennaio nella città di Bogotá con l’obiettivo di promuovere l’implementazione del Punto 4 dell’accordo di pace dell’Avana (soluzione al problema delle droghe illecite) e contribuire alla costruzione della pace con giustizia sociale in tutto il territorio nazionale. Questo, dice in un comunicato la neonata COCCAM, beneficerà migliaia di famiglie che vivono di queste coltivazioni. Sarà infatti la trasformazione strutturale del territorio che permetterà di raggiungere la sostituzione volontaria, integrale e concordata delle coltivazioni, così come pattato all’Avana.

 

L’assemblea del Cauca si è svolta alla Facoltà di Medicina e ha visto la partecipazione di quasi ottocento delegati e delegate provenienti da tutto il paese. L’incontro si è svolto sulla base di assi tematici per regioni e alla sera si è svolto un dibattito sull’annuncio realizzato poco prima dalla Commissione del Governo nazionale e le FARC-EP sul Programma Nazionale di Sostituzione delle Coltivazioni di uso illecito.

Il comunicato della COCCAM sottolinea che la neonata rete propende per la sostituzione integrale, volontaria e concordata, la difesa dei costumi rurali, ancestrali, medicinali e industriali nell’uso della coca, l’industria alternativa della marihuana e del papavero, così come l’utilizzo di queste piante nel trattamento medico della tossicodipendenza. Per questo il coordinamento chiede la cessazione della stigmatizzazione, repressione, persecuzione e carcere contro migliaia di contadini perché come pattato all’Avana si dovrà provvedere alla realizzazione di una nuova politica con una nuova visione che cessi di considerare le coltivazioni come causa del narcotraffico e i coltivatori come criminali.


Tags assigned to this article:
CaucaCOCCAMcolombiacoltivatori di cocaFARC-EP

Related Articles

L’Aquila Una città  sospesa tra dramma e speranza Il ruolo (chiave) di giovani e artisti

Quasi nessuno ha reagito allo stesso modo.
Il 6 aprile 2009 il sole sorse alle 6 e 45. Nelle tre ore e un quarto di buio assoluto che seguirono il terremoto — i superstiti intravidero solo una colonna di fumo rossastro salire dalla città  vecchia —, ognuno si comportò alla sua maniera.

Il confessore dei vietcong che poteva evitare la guerra

Cugino di Einstein, amico di Cocteau, “intervistò” centinaia di prigionieri. Avvisò Washington che non si sarebbero mai arresi. Non lo ascoltarono

Mai più differenze tra figli i “naturali” avranno nonni e zii

Ddl del ministro Bindi: i bambini nati fuori dal matrimonio saranno fratelli di quelli “legittimi” (la Repubblica, GIOVEDÌ, 15 MARZO

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment