Il Consiglio di Stato da il via libera al gasdotto adriatico

Il Consiglio di Stato da il via libera al gasdotto adriatico

Taranto. Il Consiglio di Stato ha dato il via libera alla realizzazione del gasdotto che attraverserà l’Adriatico, il famoso Tap (Trans Adriatic Pipeline), approdando in Puglia. Ieri è stata pubblicata la sentenza del 9 marzo scorso, con la quale sono stati respinti i ricorsi del comune di Melendugno e dalla regione Puglia, nei confronti della precedente sentenza del Tar Lazio sulla Tap.

I rilievi mossi dal comune e della regione erano diversi. In primis, si contestava che la Valutazione d’impatto ambientale del ministero dell’ambiente che ha dato l’ok al progetto (che prevede l’approdo del gasdotto in Salento e l’allaccio alla rete nazionale Snam nel brindisino), non fosse stata unica ma duplice. Ma per il Consiglio di Stato già in passato la giurisprudenza amministrativa ha stabilito «che due opere distinte, anche se tra loro connesse, sono sottoposte a “Via” autonoma».
Il collegio ha dato torto alla regione su tutta la linea: anche sulla tesi, appoggiata da diverse associazioni, che non fosse stata vagliata l’«opzione zero», ovvero la non realizzazione dell’opera (Direttiva CEE 337/85): il Consiglio di Stato non solo ha scritto che questo opzione è stata vagliata, ma che è stata la stessa regione Puglia a definire necessaria quest’opera «di carattere strategico e di preminente interesse nazionale».
Infine, il Consiglio di Stato (che ha escluso che l’opera dovesse essere assoggettata alla “direttiva Seveso” e l’avvenuto rispetto della leale collaborazione tra poteri dello Stato) nella sentenza assicura che la Commissione Via ha «approfonditamente vagliato tutte le problematiche naturalistiche» e che la scelta dell’approdo «fosse stata preceduta da una completa analisi delle possibili alternative (ben undici)». La regione infatti aveva chiesto che l’arrivo del gasdotto avvenisse a Brindisi, dove è presente un’importante area industriale, piuttosto che sulle spiagge adriatiche del Salento.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Messico. Nel cuore del sisma: “Le strade si alzavano frustate dalla terra”

In Oaxaca, al confine col Chiapas, dove il terremoto ha colpito più forte: “Staccati pezzi di montagna”

Acqua pubblica. A Roma si lotta per i «nasoni» aperti

Beni Comuni. I «nasoni» di Roma non vanno chiusi. Ieri la protesta in Campidogli

Clima: aumentano temperatura e eventi estremi

clima

La settimana più calda dell’estate italiana riporta all’attenzione la realtà  dei cambiamenti climatici e in particolare l’evenienza di accadimenti estremi: onde torride che si ripetono più volte, prolungata assenza di precipitazioni, fiumi in secca, violentissimi temporali con grandine diffusa, piogge torrenziali che generano smottamenti e frane, incendi più o meno “naturali”. I giornali di tutto il mondo riempiono le cronache agostane di questi eventi. Per ora tuttavia siamo esclusivamente a una fase descrittiva: si evidenziano le ricerche scientifiche, si contano i danni, si piangono le vittime, si annunciano iniziative a livello globale e locale, ma una vera azione preventiva non viene quasi mai attuata. E così si prosegue con gli allarmi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment