No TAP. La volontà di comando che piega ulivi e autonomie locali

No TAP. La volontà di comando che piega ulivi e autonomie locali

Le radici strappate alla terra sembra vogliano urlare: cresciute scavando e strisciando nel sottosuolo e ora innaturalmente sospese e accatastate. Imponenti, impotenti. E’ un’immagine straziante, che più d’ogni parola o pensiero o ragionamento racconta il massacro in corso in questi giorni sulla spiaggia di San Basilio, località San Foca, Comune di Melendugno.

Stanno espiantando 271 ulivi secolari per far posto a un impianto di raccolta che accoglierà il lunghissimo gasdotto proveniente dal Mar Caspio. Una scelta che con caparbia ostinazione, con malevola ottusità si è deciso che solo su quel placido litorale debba essere realizzata. Non qualche chilometro più a nord, per esempio, tra le centrali e le raffinerie di Brindisi, come proposto dalla Regione Puglia: purtroppo invano.
No, proprio lì, tra la Riserva naturale Le Cesine, dove spuntano le orchidee selvagge e i gigli di mare, e la Grotta del Poeta, dove un Adriatico esausto si riposa tra davanzali rocciosi e piscine naturali. In uno dei luoghi più suggestivi e rarefatti del Salento. Un territorio incompatibile con lo stoccaggio e la distribuzione di idrocarburi. Un territorio sostanzialmente integro, che proprio grazie alla sua meravigliosa natura e alla sua antica cultura è riuscito a valorizzare se stesso e ad avviare ragguardevoli processi di crescita economica.

Si consuma così un altro capitolo della furia devastatrice di un’economia rapace e violenta. Come succede nella vicina Basilicata dove si estrae il petrolio tra pascoli, frutteti e piantagioni. O come succede nella più lontana Val di Susa, dove per l’alta velocità si perforano montagne e vallate. E non si sentono ragioni. Si va avanti con i cantieri e i manganelli, e chissenefrega della gente, dei contadini, dei montanari, dei pescatori. Di chi cerca di spiegare che c’è un altro modo per garantire sviluppo e benessere: senza consumare risorse naturali, senza sciupare l’ambiente, senza violare diritti e mortificare sensibilità. Da giorni proseguono proteste e manifestazioni, brutalmente represse. Con i sindaci e le loro fasce tricolori in prima linea. Ma la razzia continua, le macchine strappano i tronchi, i tir se li caricano e se li portano via.

Ci si dice che sradicare quei pochi ulivi di Melendugno non è un gran danno: in Puglia ce ne saranno milioni; e poi resusciteranno, verranno reimpiantati poco lontano. Ma quel che è in gioco laggiù non è il destino di alberi e spiagge, è il ripristino di una linea di comando. Simbolicamente ed effettivamente. Le comunità, i territori, le autonomie locali non devono più ostacolare le decisioni centrali ma piegarsi e obbedire.

Non era in fondo questo uno degli obiettivi della revisione costituzionale, laddove stabiliva che nei casi di controversie istituzionali sarebbe prevalso l’indirizzo dello stato centrale sulle amministrazioni decentrate? Quella revisione è stata sonoramente bocciata dal referendum di dicembre, ma la si applica ugualmente: con le cariche della polizia.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Il trionfo del buon senso

D’accordo, c’è Berlusconi che ha stancato, c’è la nausea per un’astensione biforcuta e incivile che ha giocato un ruolo. Ma ciò che ha vinto sull’acqua è soprattutto la semplicità  e l’assenza di partigianeria del messaggio. Ha vinto il «sì» all’acqua libera quella che non può essere forzatamente affidata ai privati creando in Italia, di fatto, un arcipelago di monopoli ex lege. C’è, nel «sì» degli italiani, la difesa dell’acqua autogestita, controllata dal basso, dai privati come dal pubblico, e c’è la levata di scudi contro l’irruzione a gamba tesa della finanza creativa e il suo desiderio, nemmeno dissimulato, di fare dell’acqua – o meglio della nostra sete – l’ultima frontiera del business, di fronte all’inaridirsi degli altri mercati. Un «sì» che, definitivamente, non è né di destra né di sinistra, ma solo di santissimo buonsenso.

Mosca, un’altra centrale a rischio il fumo è sopra San Pietroburgo

L’ira della popolazione: “Le fiamme avanzano, le autorità  fuggono”.    Lavori frenetici intorno ai siti considerati strategici: ma tutto è top secret Il sindaco della capitale travolto dalle polemiche. Putin: “Pronto un nuovo piano”  

All’Onu due anni di confronto per «17 obiet­tivi », ora bisogna realizzarli

Sviluppo sostenibile. Domenica l’assemblea generale approverà gli Sdg, gli obiettivi per uno sviluppo sostenibile. A metà ottobre a Torino un forum aperto a istituzioni locali e associazioni territoriali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment