Pil, l’Italia in coda: -7% rispetto ai livelli pre-crisi

Pil, l’Italia in coda: -7% rispetto ai livelli pre-crisi

La «ripresina» italiana è ancora ben lontana dal farci recuperare i livelli di Pil pre-crisi: secondo l’ultimo rapporto Istat il livello del Prodotto interno lordo italiano del 2016 «è ancora inferiore di oltre il 7% rispetto al picco di inizio 2008 e solo nel 2016 ha superato quello del 2000». Differente, e decisamente più positiva, la situazione di altri paesi: «In Spagna il recupero è quasi completo, mentre Francia e Germania, che già nel 2011 avevano recuperato i livelli pre-crisi, segnano progressi rispettivamente di oltre il 4% e di quasi l’8%», spiega l’Istat.

Positivi gli aumenti congiunturali e tendenziali, finalmente l’Italia vede se non altro una cifra tonda, uscendo dallo zero-virgola: nel quarto trimestre del 2016, infatti, il Pil è cresciuto dell’1% sull’anno (corretta però al ribasso la stima preliminare diffusa due settimane fa: era 1,1%), mentre rispetto al trimestre precedente la crescita è stata dello 0,2%.

È l’ex premier Matteo Renzi, impegnato nella corsa alla segreteria del Pd, a tentare una lettura positiva, con un post su Facebook: «Abbiamo preso un Paese che stava al -2% e lo lasciamo col segno più davanti, finalmente. Naturalmente c’è ancora molto da fare, ma per chi ama i bilanci possiamo dare i dati definitivi dei mille giorni: dal secondo trimestre 2014 al quarto trimestre del 2016 il Pil è aumentato del 2% (export +10%; investimenti +6%; industria +4%». Poi Renzi ricorda i «680 mila posti grazie al Jobs Act », concludendo: «Si può dire che abbiamo lasciato la guida del Paese meglio di come l’avevamo trovata. Ma sappiamo che non basta. E per questo stiamo costruendo i prossimi mille giorni».

Soddisfazione anche dal ministero dell’Economia, ma in tutto questo rosa il governo ancora una volta ha «dimenticato» di fissare una data per il referendum su appalti e voucher promosso dalla Cgil. Oggi, come ricorda con cadenza quotidiana il sindacato, siamo già al trentaseiesimo giorno trascorso dalla sentenza della Consulta che ha promosso i due quesiti: la Cgil chiede un election day unico, mettendo insieme la consultazione sul lavoro e le elezioni amministrative. Rappresenterbbe un beneficio sia per le casse pubbliche che per le lezioni scolastiche, interrotte solo una volta.

Sul nodo della data ieri hanno protestato Giulio Marcon e Loredana De Petris, capigruppo di Sinistra italiana alla Camera e al Senato: «Neppure oggi il governo ha fissato la data del referendum sul lavoro. Questa melina è ormai scandalosa e insultante per gli elettori e per il rispetto delle regole democratiche», hanno scritto in una nota, annunciando una manifestazione-presidio oggi in via Veneto a Roma, davanti al ministero del Lavoro.

Tornando ai dati del Pil, l’Istat nel suo rapporto ha sottolineato che l’Italia resta un paese «complessivamente poco internazionalizzato rispetto alle maggiori economie europee»: nel 2015 la quota di investimenti diretti esteri (Ide) sul Pil (25,9% in uscita e 18,6% in entrata) è meno della metà di quelle di Francia, Germania, Regno Unito e Spagna. Tuttavia, rileva l’istituto di statistica, tra il 2008 e il 2014 il numero di addetti delle controllate all’estero nella manifattura è aumentato di 110 mila unità (+14,5%), arrivando a quasi 860 mila addetti.

In uno studio di Coldiretti, infine, si segnala che il settore agricolo è al contrario in calo: -3,7%. Tra le cause, l’effetto della deflazione nei campi, che ha tagliato i prezzi riconosciuti agli agricoltori, in alcuni casi scesi sotto i costi di produzione.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

La Germania rallenta e si preoccupa per i conti francesi

FRANCOFORTE — La crescita dell’eurozona sarà  debole, anche in Germania, ha avvertito il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, e ieri il ministero dell’Economia ha confermato che «ci sarà  una dinamica notevolmente più debole della crescita tedesca» fino al primo trimestre del 2013. Ma Berlino spera che sia un ristagno «temporaneo».

Tra i cercatori di diamanti dove la povertà è per sempre

Un reportage di Ettore Mo sul Corriere della Sera (Corriere della Sera, 3 gennaio 2007)

Almaviva, gli ultimi 25 giorni per scongiurare 3 mila licenziamenti

Call center. Dopo il referendum che ha bocciato la proposta del governo, i sindacati chiedono un incontro urgente ai ministeri del Lavoro e dello Sviluppo. Persa questa partita, il settore si condanna al far west

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment