In Germania approvata una legge contro le «Fake news»

In Germania approvata una legge contro le «Fake news»

BERLINO. Il governo Merkel dichiara guerra alle fake-news. Ieri il consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge che punisce la pubblicazione di commenti incitanti odio e notizie false su internet. Per i gestori dei social in Germania scatta l’obbligo di cancellare entro 24 ore i contenuti illegali: chi non si adegua pagherà multe fino a 50 milioni di euro. Tutto mentre si mobilita anche l’esercito, con un «Kommando» per la cyber-guerra.

«I fornitori dei siti web hanno la responsabilità di ciò che viene caricato dagli utenti. Devono rimuovere subito le informazioni dolose» riassume Heiko Maas (Spd) ministro della giustizia. Per il via libera definitivo alla legge ci vorrà il voto del Bundestag, mentre dall’opposizione – come fra chi scrive le notizie «vere» – si leva la critica al provvedimento che restringe il confine dei diritti.
«A rischio è la libertà di espressione» denuncia l’Associazione dei giornalisti tedeschi (Djv). «Si tratta di una misura frettolosa che può mettere in pericolo il libero esercizio del pensiero» aggiunge la deputata dei Verdi Renate Elly Künast. «È nudo populismo» per il vicepresidente Fdp Wolfgang Kubicki. Marca il punto invece l’Spd e, soprattutto, la Cdu. Fra i più soddisfatti spicca il presidente dell’Unione in Parlamento Volker Kauder che da gennaio conduce la crociata contro le fake-news. Il primo a fare nomi e cognomi: «Si deve rispondere rapidamente ai reclami. Un dovere per chi diffonde le false notizie come Facebook o Twitter». D’ora in poi, secondo il disegno di legge, dovranno attivare modalità di segnalazione rapida di testi, foto e video fuori norma e altrettanto celermente rimuovere i byte incriminati. Nella proposta è prevista anche la certificazione ogni tre mesi dei dati in violazione delle regole. Pagherà chi non esercita davvero la «moderazione» dei contenuti o, più gravemente, è investito della legale rappresentanza dell’azienda (5 milioni di euro la sanzione prevista).

In realtà «è stata messa enfasi sulla legge, ma le norme attuali già permettevano la rimozione dei dati offensivi, solo che avveniva in tempi troppo lunghi» è l’analisi che circola al ministero della giustizia. Una moral suason a YouTube (che ha rimosso il 90% delle richieste effettuate) e un avvertimento agli inadempienti Facebook (39%) e Twitter (1%). Oltre a chi intendesse inquinare la comunicazione delle elezioni regionali (7 maggio in Schleswig-Holstein, il 14 in Nordreno-Vestfalia) e federali il 24 settembre. Per questo ieri Steffen Seibert, portavoce del governo, ha rivelato la creazione del Kommando Cyber Abwehr in seno all’esercito, dotato di 13.500 esperti necessari a contrastare i 120 mila attacchi informatici al mese subiti.

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

E con la scusa della par condicio studia lo stop ai talk show

ROMA – Figlio d’arte, suo padre Raffaele è stato segretario del Pli, Enrico Costa è il capogruppo Pdl in commissione Giustizia che parla con Ghedini molte volte.

Le radio comunitarie in Nepal, la voce di un protagonista

Nepal Radio

Il movimento delle radio comunitarie in Nepal, nato durante la guerra civile alla fine degli anni Novanta, ha dato alla gente comune un luogo pubblico dove discutere di ingiustizie e pace e dove esprimere la propria identità  linguistica e culturale. Oggi però lo spirito popolare e partecipativo che contraddistingueva le prime emittenti è contaminato dalla scesa in campo di gruppi politici, attori economici e Ong internazional. Il giornalista Raghu Mainali, fondatore di Radio Sagarmatha, prima radio comunitaria del paese, illustra le sfide che il settore oggi si trova ad affrontare.

Al mercato delle grida

Le elezioni si vincono anche con le campagne elettorali, è ovvio. Le quali, per loro natura, sono illusorie e menzognere: conservano insomma il peccato originale della politica senza preoccuparsi di doverlo giustificare. Dal dopoguerra a oggi è quasi sempre stato così: un anno sono state vinte per lo sgomento del «salto nel buio» , un altro per il timore della «dispersione dei voti» , un altro ancora per la «legge truffa» : già , basta agitare lo spettro della paura e il più è fatto. Ma cosa succede quando la propaganda si sostituisce del tutto al confronto politico?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment