L’Ungheria approva la legge contro Soros

L’Ungheria approva la legge contro Soros

BUDAPEST. In migliaia hanno protestato a Budapest nei giorni scorsi contro il provvedimento concepito dal governo di Viktor Orbán per «disciplinare» la presenza e l’attività delle università straniere in Ungheria. Le manifestazioni non sono servite a far tornare l’esecutivo sui suoi passi visto che il Parlamento ha approvato la misura grazie ai voti della maggioranza. Nel mirino soprattutto la Ceu (Central European University), l’università fondata dal magnate americano di origine ungherese George Soros nel 1991. Da fonti locali si apprende che, con questo provvedimento la Ceu non potrà più immatricolare studenti dal primo gennaio 2018 e dovrà chiudere i battenti entro il 2021. A meno che Budapest e Washington non arrivino, possibilmente entro due mesi, a un accordo intergovernativo per raggiungere il quale l’esecutivo ungherese dichiara la sua disponibilità.

Prima del voto in Parlamento, Orbán ha reagito alle proteste di parte dell’opinione pubblica ungherese e delle autorità Usa dichiarando di non aver intenzione di smantellare la Ceu, che ospita 1.400 studenti provenienti da 108 paesi e dà lavoro a circa 300 insegnanti. In interviste rilasciate precedentemente il premier avrebbe affermato che la Ceu dispone, però, di un vantaggio illegittimo rispetto alle altre università in quanto può rilasciare titoli validi sia in Ungheria che negli Usa. Soros non è ben visto dal governo di Budapest; il ministro dell’Istruzione Zoltán Balog ha dichiarato recentemente che il magnate americano mira a influenzare la politica ungherese con sedicenti organizzazioni della società civile che in realtà operano come agenti stranieri che criticano e screditano il governo con operazioni di sabotaggio.

Washington, Bruxelles e Berlino (Budapest ospita anche un’università tedesca) protestano ma Orbán minimizza; parte dell’opinione pubblica ungherese si sente toccata da questo provvedimento che secondo l’opposizione non colpisce solo la Ceu ma tutto il settore dell’istruzione superiore, la libertà di ricerca e il pensiero critico. Il clima si è fatto caldo, domenica scorsa il corteo di protesta è partito dall’Università Corvinus, ed ecco che, in un comunicato ufficiale diffuso martedì via mail, il rettore di quest’ultima, uomo di fiducia del governo, ha esortato «la comunità universitaria corviniana» a tenere bene a mente il codice etico dell’Ateneo prima di andare a manifestare o prima di rilasciare dichiarazioni a organi di stampa o sui social network. Per Michael Ignatieff, rettore dell’università fondata da Soros, il provvedimento è stato concepito per colpire direttamente la Ceu con un «atto di vandalismo politico che non conosce limiti».

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Perché l’Ungheria spaventa l’Europa

SE L’ITALIA delle lauree non ride, l’Ungheria piange a dirotto. La sua nuova Costituzione, il principale colpo di mano della “maggioranza introvabile” di Viktor Orbà¡n, porta in calce la firma del presidente Pà¡l Schmitt, dimesso dopo che gli è stato revocato il dottorato dalla facoltà  di educazione fisica: aveva copiato 197 pagine su 215 della sua tesi. Ora è una gara a frugare negli archivi per scovare reciproche false lauree. Oggi Orbà¡n proporrà  il suo candidato alla successione, i nomi che corrono sono quelli di Jà¡nos Ader, già  presidente del Parlamento, o di Jà¡zsef Szà¡jer, ligi parlamentari europei. Gà¡spà¡r Miklos Tamà¡s, autorevole professore di filosofia spedito anzitempo in pensione – a 62 anni, con altre migliaia, compresi 200 giudici, da una specie di epurazione governativa – si è augurato una Presidente donna, e tanto meglio se zingara e lesbica: e non scherzava. Ci sono paesi segnati da un vittimismo nazionale: la Serbia, per esempio. Ce ne sono altri attraversati da una quantità  di vittimismi, ciascuno dei quali ha qualche buona ragione. 

C’era una volta l’America l’emigrante non la sogna più

C’era una volta l’America. Si comincia così a raccontarla, come la storia di un crepuscolo, ascesa e caduta dell’America nella spirale di un declino irreversibile. Gli Stati Uniti stanno «marcendo dal di dentro» arriva a scrivere la serissima rivista Foreign Policy, ed è insieme una metafora e una realtà .

Portaerei Usa salva marinai iraniani

Un gruppo di 13 marinai iraniani, tenuti ostaggio da parecchie settimane da pirati nel mare Arabico, è stato ieri tratto in salvo da una portaerei degli Stati uniti che incrociava nella zona.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment