Iván Márquez analizza implementazione dell’accordo di pace

Iván Márquez analizza implementazione dell’accordo di pace

In una intervista video pubblicata da Red de Prensa Alternativa del Suroccidente Colombiano, il portavoce delle FARC-EP, comandante Iván Márquez ha detto che “il paramilitarismo agisce apertamente sotto gli occhi delle autorità. Oltre 120 leader sociali e membri del movimento Marcha Patriotica sono stati assassinati dalla firma dell’Accordo Finale di Pace, lo scorso novembre. Non permetteremo – ha aggiunto – che si ripeta il genocidio di cui fu vittima l’Union Patriotica”.

Valutando l’implementazione degli accordi Iván Márquez ha detto che la guerriglia ha rispettato gli impegni presi, compreso quello di registrate le armi che saranno consegnate all’ONU in questi giorni.

Prossimamente, ha aggiunto, le FARC-EP daranno anche le coordinate di depositi di armi ed esplosivo.

Il portavoce delle FARC-EP ha ammonito che i depositi dove sono state sigillate le prime armi consegnate hanno due chiavi: “Una è nelle mani dell’ONU – ha detto – mentre l’altra è nelle mani delle FARC-EP”.

Iván Márquez ha anche sottolineato che nonostante l’annuncio del governo del Presidente Santos, lo scorso lunedì di Pasqua secondo cui ci sarebbe stata una cascata di scarcerazioni (circa quattromila) di guerriglieri, ciò non è avvenuto. Ha aggiunto che i giudici non possono ostacolare il processo di scarcerazione e ha sottolineato che in tre mesi, ovvero da quando la Legge di Amnistia è in vigore, sono stati scarcerate 117 persone.

L’intervista video al comandante Iván Márquez in spagnolo può essere vista qui

http://prensarural.org/spip/spip.php?article21427



Related Articles

In una banlieue trovata la cintura-bomba di Salah E gli Usa lanciano l’allarme “Evitate i luoghi pubblici”

“Anche il Papa nel mirino” Bruxelles, allerta massima: liberi 15 dei 16 fermati nei blitz di domenica

Nelle elezioni in Iraq vince a sorpresa Moqtada al-Sadr

Un iracheno su due non vota. Seconde le milizie sciite filo-iraniane, solo terzo il premier al-Abadi che apre all’alleanza con i sadristi e i comunisti

La donna che scoprì Bin Laden ora è « la regina della tortura »

Accusata di metodi brutali. E Greenwald rende pubblico il suo nome

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment