Iván Márquez analizza implementazione dell’accordo di pace

Iván Márquez analizza implementazione dell’accordo di pace

In una intervista video pubblicata da Red de Prensa Alternativa del Suroccidente Colombiano, il portavoce delle FARC-EP, comandante Iván Márquez ha detto che “il paramilitarismo agisce apertamente sotto gli occhi delle autorità. Oltre 120 leader sociali e membri del movimento Marcha Patriotica sono stati assassinati dalla firma dell’Accordo Finale di Pace, lo scorso novembre. Non permetteremo – ha aggiunto – che si ripeta il genocidio di cui fu vittima l’Union Patriotica”.

Valutando l’implementazione degli accordi Iván Márquez ha detto che la guerriglia ha rispettato gli impegni presi, compreso quello di registrate le armi che saranno consegnate all’ONU in questi giorni.

Prossimamente, ha aggiunto, le FARC-EP daranno anche le coordinate di depositi di armi ed esplosivo.

Il portavoce delle FARC-EP ha ammonito che i depositi dove sono state sigillate le prime armi consegnate hanno due chiavi: “Una è nelle mani dell’ONU – ha detto – mentre l’altra è nelle mani delle FARC-EP”.

Iván Márquez ha anche sottolineato che nonostante l’annuncio del governo del Presidente Santos, lo scorso lunedì di Pasqua secondo cui ci sarebbe stata una cascata di scarcerazioni (circa quattromila) di guerriglieri, ciò non è avvenuto. Ha aggiunto che i giudici non possono ostacolare il processo di scarcerazione e ha sottolineato che in tre mesi, ovvero da quando la Legge di Amnistia è in vigore, sono stati scarcerate 117 persone.

L’intervista video al comandante Iván Márquez in spagnolo può essere vista qui

http://prensarural.org/spip/spip.php?article21427



Related Articles

Norvegia sotto shock: 92 morti. Stoltenberg: “Tragedia nazionale”. Polizia: “Arrestato unico responsabile”

Norvegia sotto shock: 92 morti Stoltenberg: "Tragedia nazionale" Polizia: "Arrestato unico responsabile"Utoya, il premier norvegese Jens Stoltenberg abbraccia il leader dei giovani laburisti Eskil Pedersen
 E’ cresciuto drammaticamente il numero delle vittime della doppia azione terroristica che ieri ha colpito Oslo, dove una bomba ha devastato la sede di un tabloid nei cui pressi sono anche l’ufficio del premier e alcuni ministeri, e l’isola di Utoya, a circa 40 chilometri dalla capitale, dove un uomo travestito da poliziotto ha radunato i giovani del camp estivo del partito laburista per poi fare fuoco su di loro.

Per la Siria, oltre il digiuno

  Bandiere siriane in Piazza San Pietro – Foto: oraprosiria.blogspot.com

Ancora una volta Papa Francesco si dimostra in sintonia con i tempi e con le urgenze più scottanti. Il digiuno per la pace in Siria, previsto per sabato 7 settembre, giunge nel momento decisivo della crisi. Si potrebbe obiettare che, come accaduto molte volte in passato, si accendono i riflettori su gravi conflitti già in atto solo quando minacciano di intervenire gli americani o gli eserciti occidentali.

LE CONSEGUENZE DELL’ATTACCO

Gli sviluppi militari dell’offensiva israeliana su Gaza sono imprevedibili e potrebbero sfuggire di mano. Il ministro della Difesa israeliano Barak ha espresso la sua determinazione a raggiungere tutti gli obiettivi prefissati e continua ad ammassare truppe di terra nella zona richiamando altri riservisti. A Barak bisogna ricordare che, a partire dalla guerra contro il Libano del 2006, nessuna operazione militare israeliana ha raggiunto i suoi obiettivi. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment