Terra dei fuochi: quali sono i numeri giusti sui tumori in Campania?

Terra dei fuochi: quali sono i numeri giusti sui tumori in Campania?

NAPOLI. In Campania i bambini e gli adolescenti si ammalano di tumore con la stessa frequenza che nel resto d’Italia, senza differenze significative tra le province campane: è quanto attesta lo studio sulla popolazione compresa tra 0 e 19 anni, tra il 2008 e il 2012, dati analizzati a partire dal Registro tumori infantili, realizzato dalla regione e affidato al polo pediatrico Santobono-Pausillipon.

Nella media, secondo lo studio presentato ieri, anche la Terra dei fuochi, cioè i 90 comuni tra Napoli e Caserta interessati nel passato dal fenomeno dello sversamento illecito di rifiuti (anche tossici) e dai roghi di immondizia. Per quanto riguarda i roghi, il fenomeno è andato avanti indisturbato fino al 2012, oggi è diminuito del 50% ma non è cessato.

Nella fascia d’età 0-14 anni, si sono registrati 163,9 casi per 1 milione di ragazzi ogni anno: un dato del 3% inferiore a quello nazionale. Tra i 15 e i 19 anni, l’incidenza è pari a 293 casi: più 6% rispetto alla media, uno scostamento che viene definito «non statisticamente significativo». Per quanto riguarda la mortalità, l’indice è sovrapponibile alla media nazionale: 2,7 decessi per 100mila bambini all’anno (in Italia la media è 2,9); per gli adolescenti 4,2 (il dato nazionale è 4,4). Nei comuni della Terra dei Fuochi «i dati d’incidenza e mortalità per l’insieme dei tumori maligni – si legge nello studio del Santobono-Pausillipon – sono risultati in linea con il dato nazionale e regionale». Unico picco nei tumori della tiroide: «Una prognosi – spiegano – che ha mostrato un trend di forte incremento» in tutta Italia.

«Numeri inimmaginabili – commenta il governatore campano Vincenzo De Luca – in linea con quelli nazionali e il focus sulla Terra dei fuochi lo conferma». Sorprendenti i dati presentati ieri, molto diversi da quelli rilevati dall’Istituto superiore di sanità. Sul sito dell’Iss è possibile leggere i risultati dello studio fatto nella Terra dei fuochi nel periodo 2005/2011, commissionato dal ministero della Salute e pubblicato nel 2015. l’Iss ha analizzato mortalità e ricoveri in 55 centri tra Napoli e Caserta.

«Nei comuni della Terra dei Fuochi in provincia di Napoli – si legge – i bambini nel primo anno di vita mostrano un eccesso di ricoveri del 51% per tutti i tumori e del 45% per la leucemia, l’incidenza dei tumori del sistema nervoso centrale è più che raddoppiata. In età pediatrica (0-14 anni) si osserva un eccesso del 42% per i tumori del sistema nervoso centrale che permane, anche se attenuato (29%), includendo l’età adolescenziale (0-19)». L’Iss ha anche rilevato una serie di scostamenti: «A Casalnuovo nel primo anno di vita è raddoppiata l’incidenza dei tumori totali e quintuplicata l’incidenza dei tumori del sistema nervoso centrale; raddoppiata la mortalità per tutti i tumori nelle classi d’età 0-14 e 0-19. A Terzigno eccessi di ricoveri per tutti i tumori del 79% e 55% nelle classi d’età 0-14 e 0-19, triplicazione dell’incidenza dei tumori del sistema nervoso centrale».

SEGUI SUL MANIFESTO



Related Articles

Misure di emergenza. Il Garante blocca lo sciopero femminista globale

Per la prima volta stop ad un «generale nazionale» Non una di meno: non rinunceremo alla piazza. Usb revoca tra le polemiche «Il virus è la dittatura del mercato»

Piovono pietre sul campo rom

MILANO Fascisti, razzisti e cittadini «esasperati» assaltano famiglie con bambini: «Andatevene». Dopo due anni di silenzi, le destre si riorganizzano fomentando l’odio contro gli zingari mentre la giunta cerca soluzioni

Laureati finiti all’estero: +40% in 7 anni

Allarme Ance: in dieci mesi si sono trasferiti oltre confine 65 mila giovani

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment