Tutto rimandato a settembre per le pensioni

Tutto rimandato a settembre per le pensioni

Tutto come previsto: troppa carne al fuoco, tanto fumo e niente arrosto. Il tavolo politico sulle pensioni di ieri pomeriggio fra governo e sindacati ha partorito solo un lungo elenco di temi che saranno affrontati dopo la pausa estiva. Anzi, i temi hanno travalicato quello delle pensioni per arrivare perfino alle «politiche del lavoro».
In quasi di tre ore di confronto si è quindi deciso di rimandare tutto a settembre (cinque tavoli già fissati dal 30 agosto al 7 settembre), convinti di essere in tempo per trovare la quadra in vista della legge di bilancio.
Sui temi più scottanti il governo per bocca del ministro Giuliano Poletti e del consigliere economico di palazzo Chigi Marco Leonardi hanno comunque già messo le mani avanti. In special modo sull’innalzamento dell’aspettativa di vita per l’adeguamento dell’età pensionabile. Se Cgil, Cisl e Uil (insieme ad un fronte politico bipartisan) chiedevano il congelamento dello scatto di 5 mesi a partire dal primo gennaio 2019 – l’età diventerà di ben 67 anni – il governo concede solo l’ennesimo contentino: l’aumento sarà bloccato solo per determinate categorie o in alternativa si allargherà l’uso dell’Ape social per l’anno prossimo (i paletti troppo stretti quest’anno lasciano fuori decine di migliaia di lavoratori a partire da buona parte degli edili). Lo strumento sarà lo stesso anche per tutelare le donne, ancor più bistrattate: si punta a riconoscere gli anni di maternità o di cura dei parenti.
Quanto alla pensione di garanzia per i giovani, l’unica certezza riguarda il fatto che per agevolarla non si utilizzeranno i contributi figurativi ma la fiscalità generale con interventi sia assistenziali che contributivi. Confermato invece il cambio del sistema di rivalutazione: dal 2019 si torna al sistema Prodi, più favorevole dell’attuale.
«Un lavoro positivo e utile», ha commentato Poletti, giudizio condiviso da Annamaria Furlan. «Bisogna fare presto», dice invece Barbagallo; «sull’età pensionabile non siamo stati rassicurati», protesta Camusso.

FONTE: Massimo Franchi, IL MANIFESTO



Related Articles

L’Italia non cresce, si suicida

Di lavoro si muore e – da un po’ di tempo – si muore sempre di più anche per mancanza di lavoro. L’ultima vittima si chiama Giuseppe Pignataro, aveva 49 anni e faceva l’imbianchino. Si è tolto la vita gettandosi dal balcone della sua abitazione: non trovava più lavoro e non era in grado di mantenere la famiglia. Ma il suicidio di Pignataro non è un caso isolato: solo in Puglia negli ultimi trenta giorni altre quattro persone hanno tentato di togliersi la vita per motivi economici: tre ci sono riusciti (uno era un piccolo imprenditore) uno è «salvo» per miracolo.

Open Corporation. Il sindacato fa a classifica delle multinazionali

Open Corporation. Le aziende vengono invitate ad autovalutarsi su rispetto dei diritti, ambiente, accessibilità delle informazioni. Per il momento, però, hanno risposto solo in dieci su cento

Debito più caro dopo gli stop tedeschi

E’ difficile immaginare un intervento più inappropriato e intempestivo di quello dell’autorità  di vigilanza tedesca che impone il divieto di vendite allo scoperto. Il risultato finale è che le imprese del settore finanziario pagheranno più caro il loro debito. Stesso ragionamento per i titoli di stato emessi da paesi europei. La speculazione non è la causa della crisi, ma se si vuole attaccarla, meglio farlo senza discrezionalità  e in modo trasparente: si tassino le vendite allo scoperto, i Cds nudi o vestiti. Almeno, il costo sarà  immediatamente chiaro. L’autorità  di vigilanza tedesca, BaFin, ha annunciato il 19 maggio le seguenti restrizioni:

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment