Afghanistan. Italiani a Farah per «combattere» Ma il ministro Pinotti tace

Afghanistan. Italiani a Farah per «combattere» Ma il ministro Pinotti tace

In seguito alla minaccia di un possibile attentato talebano al governatorato di Farah, soldati italiani e americani si sono spostati nella provincia centroccidentale afgana che ricade sotto la responsabilità militare italiana del Regional Command West della missione Nato Resolute Support. I solerti Pio (Public Information Offfice), distaccati nei «teatri» dove è impegnato l’esercito italiano, solitamente pronti a informare di questa o quella visita e di quel corso di formazione, stavolta però la notizia non l’hanno trasmessa ai giornalisti del loro elenco.

Resa nota dai media afghani, non c’è nemmeno nel sito della Difesa dove un’immagine di Gentiloni campeggia sull’approvazione della missione di sostegno alla guardia costiera libica. Bisogna dunque affidarsi alle fonti locali e al portavoce del governatore Nasir Mehri secondo cui americani e italiani sono arrivati aerotrasportati giovedi scorso nella capitale di provincia. Quanti sono non è dato sapere. Non è la prima volta che gli italiani sono a Farah da che la missione Isaf- Nato ha chiuso i battenti tramutandosi in Resolute Support, col compito di formare e assistere l’esercito afgano.

Ma se dei bersaglieri dislocati a Farah all’interno di una forza di 200 uomini per lo più italiana qualche mese fa non si è saputo granché – anche allora la notizia era passata inosservata – la differenza è che adesso il quadro è cambiato.

Gli americani hanno fatto sapere che una nuova strategia è allo studio del presidente e del Pentagono: più uomini e più missioni aeree e un nuovo approccio molto combattivo in cui Washington vuole concordare con Kabul più mano libera nelle operazioni speciali. La Difesa americana ha chiesto alla Nato di appoggiare questo nuovo “surge” ma l’Italia ha risposto picche, perlomeno per quel che riguarda l’aumento del nostro contingente che è di circa mille uomini, il secondo per numero dopo quello statunitense. Inoltre, la missione Resolute Support è una “non combat mission” ossia una presenza di mera assistenza tecnica all’esercito afgano che prevede formazione e sostegno ma senza l’uso delle armi.

Prepararsi a resistere a un attacco della guerriglia però è qualcos’altro anche perché l’arrivo dei militari, stando a informazioni locali, riguarda anche l’impiego di velivoli – droni, elicotteri o caccia – in linea con un massiccio impiego dell’aviazione sempre più utilizzata dal nostro più potente alleato.

FONTE: Emanuele Giordana, IL MANIFESTO



Related Articles

Amnesty: “In Libia violazioni da entrambe le parti, detenuti uccisi dai lealisti”

  Ribelli a Tripoli – Foto: ©Euronews

Una delegazione di Amnesty International, giunta in Libia martedì 23 agosto, ha raccolto testimonianze di detenuti che hanno subito torture sia da parte dei soldati pro-Gheddafi che da parte delle forze ribelli nella zona di Az-Zawiya. Amnesty si è perciò appellata a entrambe le parti coinvolte nel conflitto in corso in Libia chiedendo loro di proteggere i detenuti dalla tortura.

Attacco a Berlino attentatore islamista accoltella un’agente

Il terrorista di Al Qaeda, già condannato, si era liberato del braccialetto elettronico. Era fuori dal carcere dal 2013

Mali: la guerra continua, i rifugiati aumentano, i diritti umani svaniscono

  Foto: Bloglobal.net

Ad un anno dallo scoppio della guerra civile in Mali e soprattutto dopo l’intervento militare francese (a breve anche con il supporto italiano) l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati(Unchr) ha rafforzato il proprio team di operatori attivi nella regione per assistere fino a 300mila nuovi sfollati all’interno del Mali e 407mila rifugiati nei paesi limitrofi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment