Con Ada Colau, cittadini in piazza a Barcellona, per non cedere all’emergenza

Con Ada Colau, cittadini in piazza a Barcellona, per non cedere all’emergenza

Hanno colpito il cuore di Barcellona, Las Ramblas e lo hanno fatto approfittando della sottovalutazione che da tempo viene dedicata al pericolo del terrorismo in questo paese. Non era certamente la paura di un attentato come quelli che hanno insanguinato le altre capitali europee a preoccupare né il governo spagnolo né i suoi apparati di sicurezza, tanto che il livello di attenzione non era stato elevato al suo massimo possibile. Tanto più inaspettata la scia di sangue perché era lontano il pensiero che il terrorismo si riprendesse la sua macabra scena proprio a Barcellona. Rendendo così tragicamente protagonista una città da settimane invasa da un turismo di massa, da tempo considerato da tanti residenti non più una risorsa, ma il principale problema per la qualità della loro vita.

Forse a preoccupare in questo momento il governo era lo sciopero degli addetti alla sicurezza dell’aeroporto di Barcellona, in lotta contro le condizioni di lavoro durissime e sottopagate. A impensierire ancora di più era l’avvicinarsi veloce del primo ottobre, cioè il giorno in cui le forze indipendentiste che governano la Catalogna hanno convocato un referendum con l’obiettivo di separarsi dalla Spagna se otterranno la maggioranza dei voti di questa importante parte del paese.

Invece ieri pomeriggio, mentre migliaia di persone passeggiavano, tutto è stato travolto.

Si tratta di un attentato che fa tornare a galla i ricordi delle precedenti giornate di sangue, quando altri attentati si piazzarono ferocemente al centro della vita di spagnole/i.

Le immagini che dalle cinque della sera tutte le principali reti televisive, nazionali e locali, trasmettono sono di una città sorpresa e impaurita. Al di là delle solite parole di circostanza e di solidarietà alle vittime di tutti o il solito tentativo delle destre di far decollare un clima emergenziale per spostare l’attenzione delle spagnole/i dalla crisi che attanaglia il paese alla lotta al terrorismo, magari di azzerare, cavalcando la mobilitazione anti-terrorista, i difficili tentativi di creare una alternativa alle destra su cui si stanno faticosamente misurando Psoe e Podemos.

Al di là di tutto quel che ora inevitabilmente cambierà nel clima politico del paese, è augurabile che invece si rifiuti la paura e il richiamo allo stato di emergenza. A cominciare, da domani, in tantissimi a seguire l’appello della sindaca Ada Colau che ha chiamato le cittadine e i cittadini a scendere per le strade di Barcellona per testimoniare e ribadire che la paura non prevarrà con un minuto di silenzio.

FONTE: Massimo Serafini, IL MANIFESTO



Related Articles

Due esplosioni in aeroporto Bruxelles, almeno 11 morti. Bombe anche nel metrò

Due esplosioni hanno scosso stamani l’aeroporto di Bruxelles: lo riporta la Bbc online

Le donne kurde contro la subalternità

Le kurde di Rojava applicano la stessa idea che oggi muove le donne di tutto il mondo: una rivoluzione collettiva e globale dove le pratiche femministe passano per educazione politica e lavoro

Tra fuoco amico ed «errori», la mattanza israeliana non si ferma

GAZA-CISGIORDANIA
GERUSALEMME. Israele minaccia un nuovo attacco contro la Striscia di Gaza. «L’esercito si sta occupando dell’evento a livello operativo» e «dei responsabili del lancio dei colpi di mortaio», ha annunciato ieri Tal Russo, il comandante israeliano della regione meridionale commentando il ferimento di tre immigrati che lavoravano come braccianti in un kibbutz a ridosso di Gaza, dove vengono impiegati manovali provenienti dalla Thailandia e da altri paesi asiatici. Un’altra escalation è alle porte di fronte a raid aerei e di terra israeliani e ai lanci di razzi e colpi di mortaio artigianali sparati dai palestinesi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment