A Roma assalto al centro accoglienza, eritreo accoltellato

A Roma assalto al centro accoglienza, eritreo accoltellato

La procura di Roma ha aperto un fascicolo per tentato omicidio sul ferimento di un cittadini eritreo (ospite del Cas Staderini), accoltellato a un rene durante una lite scoppiata presso il centro di accoglienza di via del Frantoio, gestito dalla Croce rossa, nel quartiere Tiburtino Terzo a Roma. Martedì sera due ragazzi (7 e 12 anni) avrebbero preso in giro l’uomo, forse con problemi psichici («bizzarro» lo definiscono nella zona). Alle provocazioni l’eritreo ha reagito lanciando dei sassi. I due, tornati a casa, l’hanno raccontato alla zia, che è scesa in strada con i nipoti in cerca del responsabile.

Da qui in poi le versioni divergono: la donna racconta di essere stata segregata nel centro, aggredita con mazze e armi improprie, il ferito sarebbe stata vittima dei suoi stessi amici. L’altra versione racconta di almeno 50 abitanti della zona arrivati al centro verso mezzanotte. La tensione è salita quanto la donna avrebbe tentato di farsi giustizia da sola entrando nella struttura e scatenando una rissa, durante la quale è stato gravemente ferito l’eritreo.

Casa Pound il 31 ottobre scorso ha promosso un primo sit in per chiedere la chiusura del centro, che è in funzione dopo le proroghe concesse dal comune. Il 29 giugno a manifestare furono da un lato CP con lo striscione «Tiburtino III dice basta» e, dall’altro, cittadini, Anpi e Rifondazione con la scritta «Qui non c’è spazio per i fascisti». Ieri si è fatta sentire tutta la destra, Matteo Salvini ha twittato: «Stop invasione e violenza. Chiusura immediata del centro per immigrati-delinquenti del Tiburtino III».

FONTE: Adriana Pollice, IL MANIFESTO



Related Articles

I muri costruiti dal nuovo diritto d’asilo europeo

Guardando ai mesi trascorsi da quell’orribile 19 aprile 2015 da cui tutto ha preso le mosse, troviamo solamente le macerie del sistema comune di asilo

“La Costituzione non si applica ai disabili” bufera sulle dispense del Comune di Roma

Lo strafalcione nei testi destinati alla formazione dei funzionari pubblici. Alemanno costretto a cancellarli dal sito 

Volontariato: una risposta alternativa alla crisi

   Un logo della giornata – Foto: volunteer.com.au

Volontariato vuol dire tante cose. È incontro, scambio, arricchimento reciproco. È gratuità , impegno, donazione. Ma è pure occupazione, lavoro, benessere. È fatto di giovani, anziani, disabili, emarginati. È internazionale, locale, radicato in ogni tipo di cultura. Per questo è un modello universale di gestione di problemi quotidiani e di emergenze straordinarie. Volontariato che si trasforma in “economia civile”, che diventa cooperazione, microcredito, modello alternativo di economia. Come ogni istituzione umana tuttavia anche il mondo del volontariato presenta elementi di criticità  e deve essere continuamente riformato e ripensato.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment