Virginia, marciano i suprematisti bianchi, un morto tra gli antirazzisti

Virginia, marciano i suprematisti bianchi, un morto tra gli antirazzisti

In Virginia, è «stato di emergenza»

Caos a Charlottesville, in Virginia, durante il corteo dei suprematisti bianchi. Il sindaco ha dichiarato su Twitter che ci sarebbe un morto, provocato da un’auto che si è lanciata contro la folla che partecipava alla contromanifestazione anti-razzista. Il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, ha dichiarato lo stato di emergenza e annunciato l’invio della guardia civile. Un mese dopo una marcia del Ku Klux Klan, Charlottesville è di nuovo il palcoscenico dell’ultradestra. Per oggi è annunciata una nuova dimostrazione dei suprematisti bianchi: una marcia, intitolata «Unire la destra» indetta per protestare contro la rimozione della statua del generale della guerra civile pro schiavismo Robert E Lee.

NELLA NOTTE DI VENERDÌ qualche centinaio di manifestanti ha marciato sul quadrante principale del parco dell’Università, scandendo slogan razzisti e inneggianti al nazismo; poi ha circondato e attaccato un gruppo di contro manifestanti legati a Black Lives Matter. La polizia è intervenuta in soccorso dei militanti di Blm.

IL SINDACO di Charlottesville, Mike Signer, si è detto «oltre il disgustato» e a causa della prevista manifestazione di oggi. Ieri la manifestazione dei suprematisti prevista a Emancipation Park è stata dichiarata non autorizzata e impedita dalla polizia che ha operato diversi arresti mentre i manifestanti scandivano «sangue e territorio» i due principi a cui rifarsi secondo i gruppi alt-right, convinti, come hanno dichiarato, di essere vittime di «un genocidio dei bianchi».

DONALD TRUMP, seguito dal suo vice Mike Pence, ha condannato la situazione tramite Twitter: «Non c’è posto per questo tipo di violenza in America» ha scritto il presidente, invitando all’unità e alla condanna dell’odio.
Frasi apparse come un’esortazione bipartisan, quando invece è una parte di popolazione che sta attaccandone un’altra, sotto lo sguardo a volte poco reattivo della polizia che, a detta dei testimoni, almeno inizialmente avrebbe aspettato troppo per intervenire.

FONTE: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

La Crimea vota l’annessione a Mosca Kiev reagisce: «Decisione illegale»

Fra 10 giorni il referendum per confermare la delibera Il Cremlino fa sapere: «Putin studia il dossier»

Nelle vie di Mosca le guerre di Putin fanno rivivere i sogni dell’Impero

Valori cristiani esaltati, vecchi filosofi conservatori riesumati. Così il leader del Cremlino lancia una “nuova idea” euroasiatica

Merkel incalza lo Zar (in russo) Lunga partita al tavolo dei sospetti

L’ostilità di Cameron, le accuse di Poroshenko. E Renzi sdrammatizza. Angela Merkel si è impadronita del confronto, citando a memoria gli articoli dei precedenti accordi, dimostrando di conoscere a fondo la materia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment