Barcellona. Oggi tutti in marcia «senza paura»

Barcellona. Oggi tutti in marcia «senza paura»

BARCELLONA. Fervono i preparativi per la marcia di oggi a Barcellona alle 18 che percorrerà tutto il Passeig de Gràcia fino a Plaça Catalunya, dopo gli attentati della settimana scorsa.

Con il motto “No tinc por”, non ho paura, sarà con tutta probabilità una manifestazione storica. Sarà la prima volta che un re vi prende parte. Filippo di Borbone aveva partecipato anche alla marcia a Madrid del 2003 contro gli attentati terroristi di quel marzo, ma allora non era ancora capo di stato.

Oggi i politici di tutti i partiti (anche della Cup, ma si prevede che ci saranno gesti di polemica verso il monarca) saranno comunque in secondo piano, dietro rappresentati di polizia, servizi pubblici e vari collettivi che hanno partecipato ai primi soccorsi dopo gli attentati della settimana scorsa.

Hanno promesso di partecipare politici da tutta la Spagna, molti membri del governo spagnolo e di quello catalano, oltre alla giunta Colau al completo.

Intanto continuano a affluire migliaia di persone ogni giorno al punto della Rambla all’altezza del mosaico di Mirò dove si sono andati accumulando spontaneamente fiori, omaggi e ricordi. Il comune ha deciso che si costruirà qualche tipo di monumento permanente in quel punto.

Mercoledì sera si è anche celebrato un atto interreligioso cui hanno partecipato un migliaio di persone: nel museo marittimo, ai piedi delle Ramblas, si sono riunite le comunità cristiane cattolica, ortodossa, evangelica, quella ebrea, musulmana, buddista, taoista, Sikh, bahá’í, la chiesta dei santi dell’ultimo giorno e le comunità induiste, assieme a collettivi laici e atei. Tutti per ricordare le vittime e rivendicare il modello di convivenza della città.

FONTE: Luca Tancredi Barone, IL MANIFESTO



Related Articles

Tsipras: «Colpa di austerity e muri»

Il leader greco punta il dito contro le politiche rigoriste e la gestione fallimentare della crisi dei rifugiati. Propone una nuova visione progressista «o sarà il baratro»

Loujain Al Hathloul, silenzio sulla sorte dell’attivista saudita incarcerata

Arabia saudita. Anche altri detenuti politici e di coscienza sauditi sono spariti nel nulla da mesi. Si teme per le loro condizioni. Mohammed bin Salman stringe la morsa della repressione fuori e dentro il regno

Verso la successione, si fa strada Jong-un

NORDCOREA Invece del fucile, per anni ha maneggiato il joystick della Playstation, sognando un festival pop sul 38° parallelo. Il terzogenito del «caro leader» è ora in pole position per diventare il numero uno del regime PYONG YANG Dopo 30 anni, riunione del congresso del Partito comunista

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment