Appello: l’Italia ratifichi il «Trattato di Interdizione delle Armi Nucleari»

Appello: l’Italia ratifichi il «Trattato di Interdizione delle Armi Nucleari»

Al Presidente della Repubblica, ai Presidenti di Camera e Senato, al Capo del Governo

All’Onu il 7 luglio scorso è stato adottato uno storico Trattato che proibisce gli ordigni «atomici» promosso dalle nazioni che non possiedono il nucleare, assenti le 9 nazioni che possiedono la bomba «atomica» e tutti i Paesi Nato (eccetto l’Olanda).

Un movimento mondiale disarmista, che ha sospinto il voto coraggioso di 122 stati «battistrada» – per lo più del «movimento dei non allineati»-, ha reso concreta la speranza che l’Umanità riesca finalmente a liberarsi dalla più terribile minaccia per la sua sopravvivenza, tenendo conto che una guerra nucleare può essere scatenata addirittura per caso, per incidente o per errore di calcolo.

Anche il Parlamento Europeo ha approvato, il 27 ottobre 2016, una risoluzione su questi temi (415 voti a favore, 124 contro, 74 astenuti), invitando tutti gli Stati membri dell’Unione Europea a «partecipare in modo costruttivo» ai negoziati Onu, quelli che successivamente hanno varato il Trattato del 7 luglio.

Ci ha sorpreso e indignato l’assenza del governo italiano alle sedute dei negoziati in sede Onu. Siamo coscienti, con tutte le alte autorità scientifiche, civili, morali e religiose, che in tal senso si sono espresse, che la deterrenza nucleare e la minaccia della distruzione reciproca sono contrarie al bene dell’umanità e all’etica di ogni civile convivenza.

Lo abbiamo già ricordato ma non lo si ripeterà mai abbastanza: indipendentemente dallo Stato di appartenenza, l’esistenza stessa delle armi nucleari è universalmente riconosciuta come una terribile minaccia per la vita dei popoli e dell’ecosistema terrestre. Una minaccia oltretutto assurda perché una guerra nucleare, persino con limitato scambio di missili, risulterebbe comunque catastrofica.

In ragione di ciò, chiediamo al nostro governo di lavorare perché questi ordigni siano ripudiati e di attivarsi perché vengano ovunque aboliti.

Per questo chiediamo che l’Italia ratifichi al più presto il Trattato di Interdizione delle Armi Nucleari del 7 luglio 2017, in coerenza con l’art. 11 della nostra Costituzione, anche per dare impulso all’alternativa di una economia di pace.

L’Italia, per essere coerente e credibile con quanto sopra richiesto, deve liberarsi con decisione autonoma delle bombe nucleari Usa ospitate a Ghedi ed Aviano, anche perché, nell’interpretazione che dobbiamo far valere, violano il Trattato di Non Proliferazione Nucleare. Si tratta delle bombe B61 indicate dalla «Federation of Atomic Scientists» (Fas) – ma ufficialmente è «riservato» quante e dove siano -, che ora verranno rimpiazzate dalle più micidiali B61-12.

E dovremmo mettere in conto anche la possibilità, segnalata sempre dalla Fas, di Cruise con testata atomica a bordo della VI Flotta Usa con comando a Napoli. La VI Flotta attracca nei numerosi porti italiani ufficialmente a rischio nucleare.

Ascoltiamo il monito ancora attuale dell’appello Russell – Einstein, che invitava ad eliminare le armi nucleari prima che eliminassero loro l’intero genere umano: «ricordiamo la comune umanità e mettiamo in secondo piano il resto».

Disarmisti Esigenti, WILPF Italia, No guerra No Nato, Pax Christi, IPRI-CCP, Pressenza, LDU, Accademia Kronos, Energia Felice, Fermiamo chi scherza col Fuoco atomico (Campagna OSM-DPN), PeaceLink, La Fucina per la Nonviolenza di Firenze, la Chiesa Valdese di Firenze, Mondo senza guerre e senza violenza, Comitato per la Convivenza e la Pace Danilo Dolci-Trieste

La lista degli aderenti sarà sempre aperta: singoli e gruppi potranno sottoscrivere anche on line qui.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Il fantasma di Bagdad che paralizza Obama in Siria

 ALLA ricerca di una possibile risposta americana alla guerra civile in Siria, la linea guida preferita pare essere la nostra infelice avventura in Iraq. Ci troviamo al cospetto di un altro dittatore mediorientale crudele, al potere in nome di una minoranza settaria. Siamo in presenza di un altro controverso cast di fazioni in opposizione tra loro, che si disputano il patrocinio degli stranieri.

Colpo di stato militare in Turchia

Fallito il golpe. L’esercito annuncia: «Preso il controllo del paese per democrazia e diritti umani». Erdogan in fuga invita i cittadini e le forze di sicurezza alla «resistenza». Occupate le tv, spenti internet e i social network. Tank nelle strade, i soldati nella tv di stato

La svolta dell’Intifada

Gerusalemme. L’attacco armato compiuto ieri alla Porta di Damasco da tre giovani palestinesi di Jenin forse indica l’abbandono del carattere spontaneo della nuova Intifada

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment