Terremoto a Città del Messico, almeno 248 le vittime

Terremoto a Città del Messico, almeno 248 le vittime

Una scossa di terremoto di 7.1 gradi Richter ha squassato Città del Messico ieri alle 13.14 ora locale (la serata in Italia). L’epicentro è tra Atecingo nella zona di Puebla e Axochiapan, a circa 57 km di profondità. La forte scossa ha fatto crollare alcuni palazzi e innescato incendi.

L’aeroporto e la borsa messicana hanno immediatamente cessato le operazioni. Black out per qualche minuto di elettricità e telefoni.

Secondo le prime, frammentarie notizie, ci sarebbero 5 morti a Puebla e un numero imprecisato di persone bloccato sotto le macerie.

L’8 settembre scorso un’altra scossa, ma da 8.1, gradi, aveva colpito il Messico provocando più di 98 morti, la maggior parte dei quali negli stati di Oaxaca (78) e Chiapas (16). Nel paese, proprio ieri, si celebrava il ricordo del terribile sisma che nel 1985 provocò più di 10mila vittime.

La scossa di ieri, sebbene più debole della precedente, è stata avvertita più chiaramente dalla popolazione per la sua vicinanza alla capitale.

Danni e panico in diverse città secondo la protezione civile federale, che a due ore dall’evento afferma di non dover affrontare, almeno per il momento, emergenze gravissime.

Fonti: ReutersVanguardiaBbc



Related Articles

La Corte suprema boccia Johnson: «Sospensione del parlamento illegale»

Regno unito. Verdetto pesante della Corte suprema che dichiara nulla la «prorogation». Il governo rischia ora il voto di sfiducia. Oggi si torna sui banchi di Westminster

Londra, sì al rinvio. Ma la premier ci prova per la terza volta

Martedì si vota di nuovo l’accordo della discordia. Se respinto sarà chiesto all’Ue un’ulteriore estensione. Ma serve l’unanimità dei 27 paesi

SE TOCCA ALLA FRANCIA SALVARE VENEZIA

IL MOSTRO della Laguna ha fatto la sua prima vittima. È il sindaco di Venezia Orsoni, che firmando pochi giorni fa il patto scellerato con Pierre Cardin entra nella storia delle Serenissima come un seguace non dei Dogi, ma dei barbari, per immolarsi (dice lui) sull’altare del “patto di stabilità ”. Il Palais Lumière di Cardin, coi suoi 250 metri di altezza, sarebbe alto due volte e mezzo il campanile di San Marco, 110 metri oltre i limiti di sicurezza Enac per il vicino aeroporto.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment