Rapporto Inps. 900mila posti in più, ma quasi tutti a termine o a chiamata

Continuano ad aumentare le assunzioni precarie, scendono quelle stabili. E il job on call ha sempre più successo perché sostituisce i vecchi voucher

il manifesto • 20/10/2017 • Lavoro, economia & finanza, Studi, Rapporti & Statistiche • 480 Viste

Nei primi otto mesi del 2017, secondo i dati diffusi ieri dall’Inps, nel settore privato si registra un saldo tra assunzioni e cessazioni pari a +944 mila, superiore a quello del corrispondente periodo sia del 2016 (+704 mila) che del 2015 (+805 mila).

Ma le notizie buone finiscono qui. Perché questo saldo positivo è sempre più composto di contratti a termine e a chiamata. Nel saldo risultano in crescita tutte le tipologie di contratto, inclusi i tempi indeterminati (+17 mila a fronte di +494 mila per i tempi determinati), ma se andiamo alle sole assunzioni vediamo una crescita dei contratti precari e un calo di quelli stabili: il maggior contributo è dato dai contratti a tempo determinato (+26,3%) e dall’apprendistato (+25,9%) mentre appunto sono diminuite le assunzioni a tempo indeterminato (-3,5%).

In particolare continua a colpire il boom dei contratti a chiamata, che sostituiscono i vecchi voucher: nei primi otto mesi del 2017 hanno registrato un aumento del 129,5%, passando dai 121 mila del 2016 ai 278 mila del 2017.
Critico il commento della segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso: «I dati Inps sul precariato dimostrano che sono state raccontate tante bugie sul lavoro. E continuare a difendere il Jobs Act è difendere un programma di precarizzazione e frantumazione del mercato del lavoro».

FONTE: IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This