Afghanistan. Attentati in due moschee a Kabul e Ghor: 72 morti

Afghanistan. Attentati in due moschee a Kabul e Ghor: 72 morti

Due attentati ieri hanno ucciso decine di civili in due moschee in Afghanistan. Il primo attacco ha preso di mira la moschea sciita Imam Zaman, a Kabul, già colpita in passato (l’ultima volta ad agosto, 28 morti): un uomo ha aperto il fuoco sui fedeli riuniti per la preghiera del venerdì, per poi farsi esplodere. Almeno 39 vittime.

Poco dopo un altro attacco ha ucciso almeno 33 persone in una moschea sunnita nella provincia di Ghor. Ma il bilancio è destinato a salire visto l’alto numero di feriti. Tra le vittime della seconda esplosione anche il leader di una milizia locale delle decine attive nella provincia, Fazl-ul-Ahad Khan.

Al momento non ci sono rivendicazioni. Attentati simili, nei mesi scorsi, erano stati compiuti dallo Stato Islamico.
Mercoledì e giovedì, invece, erano stati i talebani a rivendicare una serie di attacchi in diverse parti del paese che hanno provocato 140 vittime, per lo più soldati e poliziotti.

Gli ultimi sei poliziotti sono stati uccisi ieri mattina in scontri a fuoco con i talebani nella provincia settentrionale di Balkh. Azioni che erano state anticipate dal gruppo in risposta alla «nuova» strategia (in realtà molto fumosa) degli Stati uniti di Trump. Che finora si è tradotta in più truppe e più bombardamenti.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

La casalinga di Voghera e il sottosegretario Stefania Craxi

La casalinga di Voghera avrà  pure – come dice Wikipedia – “un basso livello di istruzione”, ma sa leggere e far di conto. E si è imbattuta nella risposta del sottosegretario agli Esteri, Stefania Craxi, ad una interrogazione sulle forniture di armi alla Libia. Ci ha telefonato entusiasta perchè dice di aver scoperto alcune cose interessanti, tra cui – udite udite – che nel 2010, cioè fino a qualche mese fa,l’Italia avrebbe esportato quasi 100 milioni di armamenti alla Libia di Gheddafi. Unimondo l’ha intervistata (la casalinga di Voghera, non la Craxi).

«Un cambio di regime non è una possibilità»

Zakaria: «L’unica soluzione è politica, a meno che non si voglia invadere la Siria con migliaia di soldati» «

Tra «uno stato» o «due stati» alla fine vince «nessuno stato»

ISRAELE/PALESTINA
La vittoriosa formula “due stati” Il principale argomento contro chi sostiene la formula dello stato unico è che se non si può arrivare alla formula dei due stati a causa degli ostacoli frapposti dal governo israeliano, sarà a maggior ragione impossibile

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment