Migranti. Il Consiglio d’Europa richiama l’Italia sugli accordi con la Libia

Migranti. Il Consiglio d’Europa richiama l’Italia sugli accordi con la Libia

Il Consiglio d’Europa richiama il governo italiano per l’aiuto offerto a Tripoli per fermare le partenze dei migranti. «Alla luce dei recenti rapporti sulla situazione dei diritti umani dei migranti in Libia, consegnandoli alle autorità libiche o ad altri gruppi li si espone ad un rischio reale di tortura o trattamenti inumani o degradanti», ha scritto il 28 settembre scorso il commissario per i Diritti umani Nils Muiznieks in una lettera al ministro degli Interni Marco Minniti chiedendogli di chiarire «il tipo di operazioni di sostegno che pensa di fornire alle autorità libiche nelle loro acque territoriali e quali salvaguardie l’Italia abbia messo in atto per garantire che le persone intercettate o soccorse da navi italiane in acque libiche non si trovino in situazioni contrarie all’articolo 3 della convenzione europea dei diritti dell’uomo».

Fino a oggi l’Italia si è preoccupata di addestrare la guardia costiera libica, alla quale ha delegato il compito di fermare i riportare indietro i barconi dei migranti intercettati nelle sue acque territoriali. A giugno, quando l’attività della Marina libica è cominciata, il governo italiano assicurò che i migranti sarebbero stati trasportati in centri di accoglienza gestiti da organismi internazionali. In realtà i campi non sono mai stati aperti e, come ricorda Muizniesks, i migranti finiscono in centri di detenzione dove subiscono violenze e torture.

Nella sua risposta al commissario per i Diritti umani, Minniti respinge l’accusa che navi italiane possano eseguire dei respingimenti. «Mai navi italiane o che collaborano con la Guardia costiera italiana hanno riportato in Libia migranti tratti in salvo», scrive il titolare del Viminale. «L’attività delle autorità italiane è finalizzata alla formazione, equipaggiamento e supporto logistico della Guardia costiera libica in stretta collaborazione con gli organismi dell’Unione europea, non ad attività di respingimento».

Una risposta tecnicamente esatta, che sorvola però sulle preoccupazioni espresse dal Consiglio d’Europa permettendo così al ministro di sottolineare come «l’Italia non sottovaluta affatto il tema del rispetto dei diritti umani in Libia ed, anzi, lo considera cruciale».

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Rasmussen: “La Nato non interverrà  queste misure meglio della guerra indeboliranno il regime iraniano”

Il segretario generale dell’Alleanza atlantica: “Sono più efficaci le pressioni politiche e diplomatiche”  A Kabul i Taliban non hanno possibilità  di vincere la guerra. Ma anche lì ci vuole una soluzione politica. Pensiamo che in Siria il conflitto debba essere risolto da attori locali. In Libia avevamo un chiaro mandato Onu

Mutilazioni genitali femminili: tolleranza zero dall’Onu

  Coltelli cerimoniali usati per le mutilazioni genitali femminili in Sierra Leone – Foto: IRIN/Bryna Hallam

Giornata storica per l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che il 20 dicembre ha detto un secco “no” alle mutilazioni genitali femminili (MGF). All’unanimità , i 193 Paesi membri hanno convenuto che le mutilazioni costituiscono “un abuso irreparabile e irreversibile”, e hanno accettato di “prendere tutte le misure necessarie per proibirle e proteggere donne e bambine da questo tipo di violenza”. La risoluzione non ha valore vincolante, ma in ogni modo riflette un consenso che raramente si manifesta al Palazzo di Vetro e per questo riveste un peso morale e politico non indifferente.

Sauditi sul piede di guerra contro Assad

Lega araba pronta al conflitto contro Damasco e gli alleati sciiti. Ma Russia, Onu e Usa frenano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment