Il Kenya di nuovo al voto, violenze e morti nelle strade

Il Kenya di nuovo al voto, violenze e morti nelle strade

Il giorno dopo il voto in Kenya il peso dell’opposizione e un ritorno complessivo di sfiducia sono condensati in un un’unica cifra: 34. È la percentuale ufficiale dei votanti secondo la commissione elettorale. Ad agosto aveva votato l’80%. Tuttavia, la scarsa affluenza non rappresenta pienamente quanto è avvenuto in questa ripetizione del voto presidenziale, dopo l’annullamento da parte della Corte suprema di quello dell’8 agosto.

Si è votato in massa, come ad agosto, nelle zone Kikuyu e Kalenjin, quasi per niente invece nelle aree Luo (5.319 seggi non sono stati neanche aperti). Una situazione che porta gli analisti locali a parlare di un Paese a «due facce». Kenyatta, secondo i primi risultati, è in testa con oltre il 98% dei consensi, ma la scarsa partecipazione riduce nettamente la sua rappresentatività e ha il sapore più della sconfitta che della vittoria. Raila Odinga da parte sua annuncia forme di boicottaggio permanenti nei confronti delle aziende che collaborano con «la dittatura». Così, rileva padre Carlo, missionario a Nairobi, «si complica una situazione già difficile, una tensione che non fa bene alle piccole economie dei poveri».

Per tutta la giornata di ieri si sono ripetuti scontri con le forze di polizia anche in zone dove non si erano verificati incidenti nel giorno delle elezioni. A Korogocho, la grande baraccopoli di Nairobu, Christine Wambui racconta che «c’è stata guerriglia, ci sono morti, non possiamo uscire di casa, c’è gente ferita che non può curarsi perché non ha soldi per pagare l’ospedale e noi continuiamo a bere lacrime».

L’opposizione ha continuato a rivolgere forti critiche alla commissione elettorale e in particolare al suo responsabile esecutivo Ezra Chiloba, accusandolo di «manovre dietro le quinte» per favorire Kenyatta. Accuse che Chiloba bolla come «fuorvianti e pericolose per il Paese». Kenyatta invece ha dichiarato che la gente è «stanca di questa elezione prolungata» ed è «il momento di andare avanti».

FONTE: Fabrizio Floris, IL MANIFESTO



Related Articles

Egitto: verso la fine della “dittatura morbida” del faraone Mubarak?

Egitto: proteste contro Mubarak – Foto: Euronews

Si allarga come una macchia d’olio anche all’ombra delle piramidi l’onda delle proteste che nei giorni scorsi hanno scosso Tunisia, Algeria e Libano. Nella giornata di martedì, al Cairo, migliaia di persone, (10mila secondo il ministero dell’Interno, 25mila secondo gli organizzatori), sono scese in strada per protestare contro il presidente Hosni Mubarak.

Balcani: da Zagabria a Podgorica, abusi e scandali ma nel rispetto della forma

Podgorica, zona residenziale – Foto da Wikimedia

Se aprite uno qualunque dei siti governativi balcanici, dall’Albania alla Serbia passando per i contestati territori Kosovari, noterete come i Balcani abbiano appreso in maniera affascinante a rispettare la forma. Siti con indicazione e mail di ministri e ministre; contatti con i vari dipartimenti, formulari per media e cittadinanza.

Altri due mesi di carcere per i marò

Si allungano i tempi per i fucilieri arrestati con l’accusa di omicidio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment