Kobanê: Ricostruire il sogno. Online il nuovo Global Rights magazine

Dedicato al Rojava è online e scaricabile gratuitamente il nuovo numero del magazine di Società INformazione su www.globalrights.info

Global Rights • 24/10/2017 • Contenuti in copertina, Copertina, Global Rights • 272 Viste

Sul sito www.globalrights.info è scaricabile o sfogliabile gratuitamente il nuovo numero del magazine Global Rights, realizzato dall’associazione Società INformazione, dedicato al Kurdistan siriano. Disponibile in italiano, spagnolo e inglese. Questo l’editoriale del numero

La strategica battaglia di Kobanê si è combattuta in questa importante città del Kurdistan siriano (Rojava) tra il 15 gennaio 2014 e la fine di gennaio 2015, quando è stata liberata dalle Unità di Autodifesa del Popolo (YPG).

La sconfitta delle forze dello Stato Islamico da parte delle Unità kurde ha significato una svolta nella lunga guerra che devasta il Medio Oriente e una perdita di iniziativa militare da parte del cosiddetto Califfato proclamato dalla stessa organizzazione.

Alla liberazione di Kobanê sono seguite quella di Fallujah e Mosul, in Iraq, notevoli progressi dell’esercito siriano di Damasco e l’inizio dell’operazione per liberare Raqqa, l’ultimo dei grandi centri urbani in mano all’ISIS (nel momento in cui andiamo in stampa circa il 90% della città è stata liberata dalle milizie kurde e dai loro alleati).

Il declino dello Stato Islamico, per quel che riguarda il controllo fisico di territori della regione vasti, ricchi e molto popolati, sicuramente non significherà la “fine della guerra”, ma una nuova tappa, più dispersa e confusa, di questo conflitto internazionale e regionale nel quale intervengono numerosi attori e si muovono molteplici interessi economici.

L’eroica resistenza di Kobanê che ha visto protagoniste le Unità di Difesa locali, composte da giovani, uomini e donne, è stata una notizia centrale per mesi. Tuttavia oggi vogliamo affrontare la realtà di questa città e dei suoi abitanti da un altro punto di vista, lontano dai grandi titoli sparati.

Che resta dopo la battaglia? Qual è il destino dei sopravvissuti? Come si può ricostruire vita tra le rovine e il lutto? Qual è la nostra responsabilità rispetto a chi ha sofferto, e ancora soffre, la violenza della guerra e le sue terribili conseguenze?

Informare, comunicare, mantenere atteggiamenti coerenti a favore di un mondo più giusto ed equo richiede mettere a fuoco permanentemente gli esseri umani e le loro diverse realtà. Per questo offriamo questi “paesaggi dopo la battaglia”. Frammenti, interviste, dati, commenti, richieste e bisogni di coloro che sono tornati alla loro terra dopo la guerra.

Nel 1937 la città basca di Gernika è stata vittima del criminale bombardamento delle forze nazi-franchiste. In mezzo alla città distrutta rimase simbolicamente in piedi una frondosa quercia, che è da allora simbolo delle libertà del popolo basco.

Gernika è rinata dalle sue ceneri e la quercia delle libertà basche è ancora al suo posto. Kobanê è la Gernika dei kurdi e i suoi abitanti sono impegnati oggi a ricordare i loro martiri, a seminare vita in mezzo alle numerose perdite umane e materiali. Per riuscire nel loro obiettivo hanno bisogno che si conoscano i loro sforzi e che la gente solidale li appoggi, ovunque si trovi.

Perché la ricostruzione per la pace e la convivenza dovrebbe essere notizia di prima pagina ogni giorno. Oltreché nostra preoccupazione.

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This