Strage a Las Vegas: spari sulla folla, 58 le vittime

NEW YORK. Cinquattotto morti e 515 feriti, questo, mentre scriviamo, il bilancio dell’ennesimo mass shooting, il più sanguinoso della storia americana, avvenuto a un concerto country al Mandalay Bay hotel di Las Vegas, durante la notte di domenica. AD APRIRE IL FUOCO è stato il pensionato 64enne Stephen Paddock, il più anziano attentatore nella storia degli Usa; [&hellip

Marina Catucci • 3/10/2017 • Guerre, Armi & Terrorismi, Internazionale • 435 Viste

NEW YORK. Cinquattotto morti e 515 feriti, questo, mentre scriviamo, il bilancio dell’ennesimo mass shooting, il più sanguinoso della storia americana, avvenuto a un concerto country al Mandalay Bay hotel di Las Vegas, durante la notte di domenica.

AD APRIRE IL FUOCO è stato il pensionato 64enne Stephen Paddock, il più anziano attentatore nella storia degli Usa; dal 28 settembre Paddock occupava un stanza al 32 piano del Mandalay Bay, che affacciava direttamente sul luogo del concerto.

In questa stanza l’uomo era riuscito a portare un piccolo arsenale, si parla di almeno 10 fucili e 8 pistole, armi semi automatiche che ha usato per sparare dalla finestra su una folla di 22.000 persone che inizialmente ha scambiato gli spari per i rumori di fuochi d’artificio.

È stato solo durante la seconda raffica di colpi che l’evidenza è stata chiara, i cantanti hanno smesso di suonare e il panico si è sparso tra il pubblico; in rete sono iniziate ad arrivare le immagini girate con gli smartphone.

Poco dopo la polizia è arrivata sul luogo del massacro, ha chiuso la zona, la famosa strip di Las Vegas, illuminata a giorno dalle insegne dei casinò e degli hotel.
In pochi minuti il perimetro è diventato una zona spettrale, deserto, con le luci delle macchine della polizia che si mischiavano alle luminarie del divertimento di massa.

L’ATTENTATORE SI È SUICIDATO prima di essere preso dalla polizia e le ragioni di questo massacro sono al momento oscure; l’Fbi ha escluso collegamenti con organizzazioni internazionali così come ha confermato la polizia di Las Vegas, nonostante a poche ore di distanza dalla strage, Isis, attraverso la sua agenzia Amaq, avesse rivendicato l’attacco definendo Paddock uno dei soldati del califfato, da poco convertito all’Islam, con il nuovo nome di Samir Al-Hajibma; questa teoria è stata drasticamente smentita anche da fonti dell’amministrazione Usa.

IL RITRATTO dell’attentatore non fornisce alcun chiarimento: il 62enne viveva con la sua compagna pressoché coetanea a 130 chilometri da LasVegas, a Mesquite, un piccolo centro di 20.000 abitanti, per lo più pensionati on la passione del golf.
Stando alle dichiarazioni del fratello, Paddock non aveva una preparazione militare, possedeva un paio di pistole ma non era un esperto di armi: «La sua vita era un libro aperto.

Era andato al college, aveva un lavoro, qualcosa deve essere successo». Ciò che sicuramente è accaduto è che l’uomo ha avuto la possibilità di entrare indistrurbato in un hotel con un arsenale di armi semi automatiche, tutte regolarmente acquistate in un qualsiasi negozio americano, e ciò riapre la dolorosa questione del controllo delle armi negli Stati uniti.
«L’ennesimo episodio di violenza per arma da fuoco» l’ha definita il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, uno dei principali promotori della regolamentazione per la vendita delle armi.

«Un atto di pura malvagità» l’ha invece definito Trump nella sua dichiarazione ufficiale dove non ha fatto alcun cenno alle leggi sulle armi.

DONALD TRUMP è di certo il presidente americano della storia moderna più vicino alla Nra, la potentissima lobby delle armi, che l’ha sempre sostenuto, politicamente ed economicamente durante e dopo la campagna presidenziale, tanto che il suo discorso per i 100 giorni di presidenza, The Donald lo ha fatto proprio dalla sede della National Rifle Association, definendosi «il vostro migliore amico».

Trump già in campagna elettorale aveva dichiarato di possedere armi e di girare spesso armato; «Potrei essere armato anche ora», aveva detto in diretta tv durante un dibattito per le primarie repubblicane, e uno dei suoi primi atti da presidente, il primo di marzo, è stato quello di annullare una legge voluta strenuamente e ottenuta a fatica da Obama per impedire la vendita di armi da fuoco a persone con conclamati disturbi mentali.

AL MOMENTO, in America, è al vaglio una legge proposta dai repubblicani più vicini al presidente, che vorrebbe rendere illegale l’uso del silenziatore in quanto, stando ai suoi promotori, il rumore degli spari può offendere l’udito dei cacciatori, poco importa se un’arma silenziata usata in un mass shooting rende più difficile per la polizia identificare da dove provengano gli spari. Trump mercoledì sarà a Las Vegas e in queste ore, anche se lo sta evitando, dovrà rispondere a più di una domanda sul gun control.

FONTE: Marina Catucci, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This