Torino, sei rider portano Foodora in tribunale

Torino, sei rider portano Foodora in tribunale

È iniziata ieri a Torino la causa, la prima in Italia, intentata da sei rider contro Foodora. I fattorini, seguiti dagli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, chiedono di essere reintegrati nella piattaforma digitale. Dopo la mobilitazione dello scorso anno, l’azienda non ha più fatto lavorare i sei giovani, nonostante avessero dato la disponibilità. Il tentativo di conciliazione è fallito e l’impresa ha escluso ogni possibilità di reintegro. «Il rapporto che legava i rider all’azienda – hanno spiegato gli avvocati- aveva le caratteristiche del lavoro subordinato. I ragazzi dovevano essere reperibili in maniera costante e continuativa». I fattorini erano retribuiti con 5,60 euro l’ora, mentre da ottobre 2016 fu introdotto anche un regime di «cottimo integrale». Per Foodora ai rider «è stato garantito giusto trattamento economico e normativo. Esporremo nelle sedi opportune le nostre ragioni». Quella torinese è la prima azione legale in Italia nei confronti di Foodora. La prossima udienza è prevista il prossimo 22 novembre

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

«Una rete protettiva per Italia e Spagna»

Si muove l’Fmi. Schà¤uble: subito le riforme

Trichet: “La crescita europea rallenta”

Fmi taglia le stime, Pil Italia allo 0,8%  Merkel insiste: niente aiuti Ue a chi non riduce il debito.    Rehn risponde alla Lagarde: le banche sono molto meglio capitalizzate rispetto al 2010

Fiat:”Avanti con chi ha firmato” ma a Pomigliano torna l’incertezza

La Fiom: non c’è stato plebiscito, da noi niente boicottaggi

Sacconi: l’esito della consultazione è inequivoco, ora non si può che andare avanti

Il Lingotto: quelle dei metalmeccanici della Cgil sono argomentazione pretestuose

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment