Terremoto devasta l’Iran, oltre 450 vittime

Terremoto devasta l’Iran, oltre 450 vittime

Medio Oriente. Case distrutte, villaggi isolati: il bilancio potrebbe salire. Zona montuosa, è via di transito del gas iraniano verso l’Iraq ed epicentro dello scontro tra Teheran e combattenti curdi

È stato avvertito dalla Turchia al Pakistan; a Baghdad hanno pensato si trattasse di una delle bombe che con cadenza regolare portano morte nella capitale: un sisma di magnitudo 7.3 domenica sera ha colpito il confine tra Iran e Iraq, uccidendo oltre 450 persone e ferendone 7mila.

Ma il bilancio si aggrava di ora in ora, man mano che i soccorritori avanzano in un territorio di per sé isolato, i monti Zagros nella provincia iraniana di Kermanshah, estremo occidente del paese alla frontiera con il Kurdistan iracheno.

Territorio a prevalenza curda, comunità antiche di 12 millenni, villaggi che vivono di pastorizia e agricoltura, ma anche sede di importanti raffinerie e dei valichi con il territorio iracheno, Kermanshah è la zona che ha subito i danni maggiori.

La maggior parte delle vittime si registra qui, sebbene siano 14 le province colpite dal sisma. Si parla di 70mila sfollati, ma raggiungere tutte le comunità interessate è difficile: frane sono cadute sulle vie di comunicazione, molti villaggi sono tuttora isolati. È questo che fa temere che il bilancio possa seriamente aggravarsi: sono 1,8 milioni le persone residenti entro i 100 chilometri dall’epicentro, stimavano ieri le Nazioni Unite.

Mancano acqua e elettricità, le linee telefoniche sono interrotte e il principale ospedale della città di Sarpol-e Zahab – dove la devastazione è maggiore – è stato seriamente danneggiato. Le immagini che arrivano tramite la rete e i fotoreporter mostrano il livello di distruzione: case ridotte in macerie, palazzi di cemento come le piccole abitazioni di fango.

Le autorità di Teheran hanno immediatamente inviato sul posto – oltre alla Mezzaluna Rossa e ai soccorritori che stanno già montando ospedali da campo – anche le Guardie Rivoluzionarie e una squadra di ministri (guidata da quello degli interni) per valutare il livello dei danni e le modalità di intervento.

Territorio di sismi devastanti e frequentissimi (con cadenza annuale e i bilanci peggiori che risalgono al 2003 con 26mila vittime nel sud est e al 1990, 50mila morti nel centro nord), l’Iran si trova nel punto di scontro tra il placca araba e quella euroasiatica. Le stesse montagne Zagros ne sono il frutto.

È stato di emergenza anche nel vicino Kurdistan iracheno: qui ad essere colpita è stata la provincia orientale di Suleymaniya, dove si contano una decina di morti e 400 feriti. È a Suleymaniya che sono arrivati i primi aiuti esteri, oltre a quelli del governo centrale iracheno: la Turchia ha già inviato team di soccorritori, 10mila letti e 3mila tende.

L’assistenza immediata è fondamentale: in inverno i territori tra Iraq e Iran raggiungono temperature molto basse e già in queste ore decine di migliaia di persone dormono all’addiaccio. E, per timore di danni e fuoriuscite, Teheran ha fatto temporaneamente spegnere i principali impianti di gas dell’ovest.

La zona interessata è centrale nel sistema di esportazioni iraniano: gas e petrolio, ma anche prodotti alimentari. Ieri la National Iranian Gas Company rassicurava: il terremoto non ha interrotto il flusso verso il Kurdistan iracheno.

È, storicamente, anche zona di confronto militare tra l’esercito iraniano e i combattenti curdi: le province di Kermanshah, West Azerbaijan e Kordestan ne sono state il cuore, in particolare dopo la rivoluzione khomeinista del 1979, negli anni ’90 e di nuovo tra il 2004 (quando è nato il Pjak, fomazione vicina al Pkk e al sogno di un’autonomia dentro lo Stato iraniano) e il 2011.

Un confronto che ha provocato, secondo il partito curdo Kdpi, almeno 30mila morti civili e limitato lo sviluppo economico locale.

FONTE: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO



Related Articles

Mugabe contro tutti. Tace l’Africa che «conta»

ZIMBABWE Il presidente neo-rieletto durante l’«Heroes’ day» Discorso alla nazione, lo zar

“Vittorio è un nostro martire caccia senza tregua ai suoi assassini”

Ismail Hanyeh: “Una strada della Striscia avrà  presto il suo nome”. Il premier di Hamas chiama la famiglia: “Avrete giustizia”. Sapremo affrontare il problema dei gruppi salafiti, abbiamo deciso misure che non posso rendere pubbliche Abbiamo già  arrestato diverse persone, alcune sicuramente coinvolte nel sequestro ma la caccia continua

Morti in carcere: quando lo Stato indaga su se stesso, secondo la CEDU

Quando una indagine sulla morte di una persona detenuta si può dire una “indagine giusta”? Quando lo “stato che indaga

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment