Rapporto Caritas. Più sei giovane, più sei povero

Rapporto Caritas. Più sei giovane, più sei povero

La crisi non è finita mentre ai piani alti si parla di «crescita» che aumenta le diseguaglianze

I figli stanno peggio dei genitori e i nipoti peggio dei nonni. Ad ogni passaggio di testimone tra le generazioni la disuguaglianza aumenta, mentre la povertà cresce al diminuire dell’età. Più sei giovane, più sei precario. Negli anni corrispondenti alle politiche dell’austerità – gli ultimi cinque – questo dato strutturale prodotto dalla crisi finanziaria è esploso, colpendo più i giovani tra i 15 e i 34 anni rispetto agli over 65. Lo sostiene il rapporto su povertà giovanile ed esclusione sociale 2017 «Futuro anteriore», presentato ieri al circolo della Stampa Estera di Roma dalla Caritas italiana.

UN GIOVANE su dieci vive in uno stato di povertà assoluta in Italia. Nel 2007 la proporzione era completamente diversa: era solo uno su cinquanta. Nei dieci anni successivi sono diminuiti i poveri tra gli over 65 (da 4,8% a 3,9%). Tornando indietro nel tempo, rispetto al 1995 il divario di ricchezza tra giovani e anziani si è ampliato: la ricchezza media delle famiglie con capofamiglia di 18-34 anni oggi è meno della metà, mentre quella delle famiglie con capofamiglia con almeno 65 anni è aumentata di circa il 60%. Si presuppone allora che il capofamiglia ultra-sessantenne sia il padre, o comunque un parente, di quello con meno di 34 anni. Questo significa che il primo sostiene il secondo, condividendo risorse e rendite necessarie per proteggere il nucleo ostaggio dei ricatti della precarietà: dall’affitto alla rata dell’asilo, dal sostegno economico in caso di lavori intermittenti o di spese per la nascita di un figlio. È il «welfare parentale» che sostituisce quello «sociale» esploso a causa delle riforme, dei tagli e della negazione dei diritti universali. L’Italia del 2017, in poche parole.

LA CARITAS osserva la situazione dai «Centri di ascolto in rete». Nel 2016 sono state 205.090 le persone che hanno chiesto qui ciò che non trovano sul «mercato» e non ottengono dallo Stato: un reddito e una tutela. Il 22,7% ha meno di 34 anni. Le richieste sono maggiori a Nord (46%), dove vivono più stranieri, il 33,7% nel Centro, il 20,2% al Sud. Oltre il 43% si è rivolto ai centri per la prima volta. La crisi per loro non è finita, moltiplica silenziosamente i suoi effetti mentre ai piani alti continuano a parlare di una «crescita» che non produce né occupazione fissa, né un’oncia di redistribuzione.

LO STATUS familiare degli under 34 va compreso meglio. Per la Caritas prevalgono le famiglie «tradizionali» con coniugi e figli (35%), seguite da quelle «uni-personali» (25,7%), in netto aumento rispetto al 2015. Formula macchinosa, e involontariamente parodistica, che significa: persona sola, single, disaffiliato. Persona che potrebbe vivere in coppia, ma si presenta come un individuo e non rientra nel welfare statale, né nelle statistiche. È ragionevole pensare che questa condizione – di «apolide» – sia quella più ricorrente in un paese come il nostro dove non si ha il coraggio di considerare il «precario» come soggetto di diritto, preferendo identificarlo con la «famiglia». Per queste «famiglie di se stessi» non è previsto un sostegno. Nemmeno il miserabile «reddito di inclusione» che il ministro del lavoro Poletti si è affrettato a garantire dal primo dicembre. Stando ai dati della Caritas non andrà nemmeno a gran parte delle famiglie «tradizionali», salvo che non abbiano fino a cinque figli e siano povere «assolute».

FONTE: Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO



Related Articles

“Lele Mora tenta il suicidio in cella ma era solo un gesto dimostrativo”

Milano, il manager dei vip voleva soffocarsi col cerotto   L’agente delle star soccorso dai secondini. L’ira dei legali: “Non ci hanno avvertiti”

Il processo lungo passa al Senato Le opposizioni: altra legge ad personam

 Vietti (Csm): va nella direzione opposta all’Europa.  Norma approvata con la fiducia Palma minimizza: non avrà  effetti deflagranti 

Comincia già  con la scuola materna, dilaga su Internet, angoscia migliaia di famiglie

La violenza tra i più piccoli può essere arginata combattendo sul nascere la logica del branco. Insultano, minacciano, deridono i compagni fin dalla scuola materna. Qualche anno dopo cominciano le maldicenze sul web, i video sui cellulari. Alcuni genitori troppo distratti sottovalutano la violenza fisica e verbale. E gli esperti suggeriscono un controllore nelle scuole. Perché non ci siano più vittime Il fenomeno è sceso sotto la soglia d’età  fissata finora, quella degli 8 anni Se si lasciano passare i primi gesti aggressivi, poi diventa difficile tornare indietro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment