Nella polizia di Madrid un gruppo nazista

La violenza della polizia di Madrid è diventata notizia in questi giorni grazie a un inquietante articolo di eldiario.es

Luca Tancredi Barone • 26/11/2017 • Internazionale • 600 Viste

La violenza della polizia di Madrid è diventata notizia in questi giorni grazie a un inquietante articolo di eldiario.es. In un gruppo di WhatsApp che è arrivato a contare più di 200 agenti della capitale spagnola, alcuni individui in divisa hanno rovesciato non solo insulti verso la sindaca della città, Manuela Carmena, ma anche commenti razzisti e machisti nei confronti di immigranti, politici di sinistra e indipendentisti, e giornalisti della Sexta, la rete tv considerata vicina a Podemos. Senza dimenticare vere e proprie dichiarazioni di apologia del nazismo («Questo signore sì che sapeva come fare le cose, è dio», ha scritto uno riferendosi a Hitler).

Oltre a frasi inquietanti come «uccidere è il nostro slogan» o inviti alla caccia di immigranti. Un florilegio di intercambi allarmanti per persone che pattugliano armate la città. In attesa delle decisioni dei giudici a cui sono state affidate le indagini, grazie alla denuncia di un agente a sua volta vittima di insulti, il governo municipale ha sospeso cautelarmente tre degli agenti più espliciti. Ce ne sarebbero altrettanti per i quali si stanno valutando misure amministrative. L’assessore responsabile della polizia municipale Javier Barbero ieri accusava i precedenti governi del Pp di aver fomentato un clima di impunità e connivenza.

FONTE: Luca Tancredi Barone, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This