Diritti globali: ‘Ius soli provvedimento di giustizia’

Diritti globali: ‘Ius soli provvedimento di giustizia’

Loading

(ANSA) – ROMA, 27 NOV – Una forma di “razzismo istituzionale e ‘democratico’ che ha gradatamente permeato la società”. Così nel rapporto Diritti Globali, Sergio Segio definisce la scelta di rinviare l’iter parlamentare dello Ius soli.

“Si tratta – osserva – di una legge sulla concessione della cittadinanza, a certe condizioni, ai figli di immigrati, la cui proposta risale al 1992. Non è bastato un quarto di secolo per un provvedimento che, questo sì, avrebbe aiutato gli italiani a non divenire razzisti, oltre a essere un provvedimento di giustizia e di adeguamento delle normative italiane a quelle dei Paesi più civili e avanzati”. Ricorda che “il ‘vero’ ius soli”, che prevede che chiunque nasca in uno Stato ne ottenga automaticamente la cittadinanza, “vige negli Stati Uniti, in Canada, in quasi tutta l’area latinoamericana; una sua forma condizionata è attiva in diversi Paesi dell’Europa, come Francia, Germania, Regno Unito, Irlanda”.

Segio cita il rapporto finale della Commissione ‘Jo Cox’, istituita alla Camera, che evidenzia una percezione distorta: “l’Italia risulta il Paese con il più alto tasso di ignoranza sull’immigrazione in tutto il mondo. A partire da una realistica percezione del fenomeno: la maggioranza dei cittadini italiani pensa che gli immigrati presenti sul suolo italiano siano il 30% della popolazione, anziché l’8%, e che i musulmani siano il 20%, mentre sono il 4%”. (ANSA).

 

 


Tags assigned to this article:
Commissione 'Jo Cox'razzismo

Related Articles

Crollano i consumi: -2% a marzo Tagli soprattutto sugli alimentari

Loading

Consumi in calo a marzo 2011. L’indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio Istat è infatti diminuito dello 0,2% rispetto al mese precedente. Va male il confronto con il 2010: -2% sul marzo scorso e il primo trimestre dell’anno è dello 0,3% in calo rispetto agli ultimi tre mesi del 2010.

Rapporto Oxfam: «Alla fontiera con l’Italia la gendarmerie maltratta e respinge i minori»

Loading

Il dossier sul confine di Ventimiglia. L’Ong accusa la Francia: viola il diritto europeo e interno, i ragazzi soli non sono tutelati. Gli abusi fisici e verbali sono la norma

Afghanistan, occupazione duratura

Loading

La guerra in Afghanistan ha finora provocato oltre 170 mila morti e 180 mila feriti gravi e una spesa ufficiale, solo da parte Usa, di circa 830 miliardi di dollari (oltre 40 volte il pil dell’Afghanistan) più altre enormi spese non registrate

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment