Diritti globali: ‘Ius soli provvedimento di giustizia’

Diritti globali: ‘Ius soli provvedimento di giustizia’

(ANSA) – ROMA, 27 NOV – Una forma di “razzismo istituzionale e ‘democratico’ che ha gradatamente permeato la società”. Così nel rapporto Diritti Globali, Sergio Segio definisce la scelta di rinviare l’iter parlamentare dello Ius soli.

“Si tratta – osserva – di una legge sulla concessione della cittadinanza, a certe condizioni, ai figli di immigrati, la cui proposta risale al 1992. Non è bastato un quarto di secolo per un provvedimento che, questo sì, avrebbe aiutato gli italiani a non divenire razzisti, oltre a essere un provvedimento di giustizia e di adeguamento delle normative italiane a quelle dei Paesi più civili e avanzati”. Ricorda che “il ‘vero’ ius soli”, che prevede che chiunque nasca in uno Stato ne ottenga automaticamente la cittadinanza, “vige negli Stati Uniti, in Canada, in quasi tutta l’area latinoamericana; una sua forma condizionata è attiva in diversi Paesi dell’Europa, come Francia, Germania, Regno Unito, Irlanda”.

Segio cita il rapporto finale della Commissione ‘Jo Cox’, istituita alla Camera, che evidenzia una percezione distorta: “l’Italia risulta il Paese con il più alto tasso di ignoranza sull’immigrazione in tutto il mondo. A partire da una realistica percezione del fenomeno: la maggioranza dei cittadini italiani pensa che gli immigrati presenti sul suolo italiano siano il 30% della popolazione, anziché l’8%, e che i musulmani siano il 20%, mentre sono il 4%”. (ANSA).

 

 


Tags assigned to this article:
Commissione 'Jo Cox'razzismo

Related Articles

Hiv, Unicef: calano i contagi tra i bambini, – 24 per cento in due anni

ROMA – L’Hiv è la principale causa di morte per le donne in eta’ produttiva, 22 paesi prioritari hanno raggiunto un accordo per combattere il contagio da madre a figlio, mentre sono in calo le infezioni tra i bambini. Sono alcuni dei numeri diffusi dall’Unicef alla vigilia della Giornata Mondiale di lotta contro l’Aids che si celebra domani.  Il numero di nuovi contagi da Hiv nei bambini e’ diminuito, ma, secondo l’Unicef, l’obiettivo di una generazione libera dall’Aids richiede che piu’ donne in gravidanza e piu’ bambini che vivono con l’Hiv ricevano cure specifiche.

QUALE LAVORO PER I GIOVANI

I dati confermano la invariabilmente sconfortante condizione (non)lavorativa giovanile. Il trend negativo persiste e riguarda soprattutto coloro che hanno già concluso gli studi universitari

Il Rapporto mondiale sulle droghe: aumentano consumi e morti

Circa 271 milioni di persone, pari al 5,5% della popolazione globale tra i 15 e i 64 anni, ha fatto uso di droghe nell’anno precedente. Il dato è simile alle stime del 2016; se però lo si confronta con quello del 2009 si nota un aumento del 30%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment