Ius soli sine die, una scelta sciagurata

Ius soli sine die, una scelta sciagurata

Come uno scolaro povero e un po’ scostumato, il provvedimento sullo ius soli è stato cacciato all’ultimo banco. E all’ultimo posto e all’ultimo giorno del calendario parlamentare. Così la legge sulla cittadinanza è destinata a essere rinviata a chissà quando. Temo sinceramente che non se ne parlerà più per i prossimi dieci anni. Questo è il risultato di una linea di condotta fondata sull’opportunismo e sulla codardia e su una intelligenza politica, per così dire, non troppo brillante.
Questa scelta sciagurata costituisce una vera offesa per centinaia di migliaia di minori stranieri che chiedono da anni parità di doveri e di diritti.

Intanto, dal momento che il mondo provvidenzialmente non si esaurisce nella conferenza dei capigruppo del Senato, centinaia e centinaia di donne e uomini di buona volontà continuano nello sciopero della fame a staffetta a favore della riforma della cittadinanza. E domani alle 15 davanti a Montecitorio, si terrà la maratona-Pinocchio, la lettura collettiva (da Nicola Piovani a Max Giusti) del libro che ricorda «il bambino che voleva essere uguale a tutti gli altri bambini».

FONTE: luigi manconi, IL MANIFESTO



Related Articles

La nostra tolleranza zero. Il sogno occidentale di depurare “l’altro”

    “Accettiamo alcune cose se ci paiono ‘libere scelte’, quindi solo come esiti di processi violenti di sradicamento dalle proprie origini culturali” “Quello che si sta affermando è la natura tossica non solo del diverso ma del prossimo stesso” L’anticipazione/Un brano del testo che lo studioso ha scritto per il numero che “Libération” dedica alla filosofia “Sempre più nelle nostre società  va prendendo piede l’idea di avere diritto a non essere vessati o molestati: di una distanza di sicurezza” 

Caro Can­tone, la polizia democratica non vuole l’impunità

Tortura. Entra nel vivo, al Senato, il ddl per l’introduzione del reato nel nostro ordinamento penale. Con l’audizione dei vertici delle forze dell’ordine: «Preoccupati per le denunce strumentali»

Già respinti da alcune scuole i bimbi senza vaccini

I casi a Roma, Milano e Udine. La sindaca Raggi scrive alle ministre Lorenzin e Fedeli: «Si renda immediatamente uniforme l’applicazione della legge»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment